Catechesi battesimale: la preghiera per il 18 dicembre

18 dicembreI PASTORI … Luca racconta

Il nostro presepio diventa sempre più bello. Oggi è venuto a trovarci nonno Renzo con una scatola “da scarpe” avvolta in una pagina di giornale. In un momento ci siamo tutti ritrovati attorno al tavolo grande in cucina. La curiosità era grande. Il nonno è partito come sempre: “Indovinate cosa vi ho portato… certamente qualcosa di natalizio visto che c’è il presepio in costruzione…”. Il nostro sguardo si spostava dalla scatola al presepio per vedere che cosa mancava. E, finalmente, quella scatola si è aperta e dentro c’erano due pastori e tante pecore. Appartenevano al presepio della mamma, di quando era piccola come noi. Dalla casa dei nonni alla nostra. Subito pastori e pecore hanno trovato collocazione nel nostro presepio vicino al laghetto.

Alla sera il papa, straordinariamente ospiti nel lettone grande, ci ha letto dal Catechismo dei Bambini a pagina 88 il racconto dei pastori.


18 dicembre“C’erano in quella regione alcuni pastori che vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò davanti a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande spavento, ma l’angelo disse loro:”Non temete, ecco, vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore”.

E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste che lodava Dio e diceva: “Gloria a Dio nel più alto dei deli e pace in terra agli uomini che egli ama”. Appena gli angeli si furo¬no allontanati per tornare al ciclo, i pastori andarono senz’indugio e trovarono Maria e Giuseppe e il Bambino, che giaceva nella mangiatoia “. (Le 2,8-16)

 

Accendiamo la candela dell’Avvento

 

Signore, noi ti ringraziarne per il dono dei pastori e delle pecore. Grazie per nonno Renzo che arriva sempre con qualcosa di nuovo. La mamma ci ha raccontato di quando andava a muschio nella golena del Piave e ci ha promesso che sabato pomeriggio ci andremo tutti assieme. Aiutaci ad essere come i pastori attenti alla voce dell’angelo, solleciti a muoversi senza perdere tempo per incontrare il bambino Gesù. Certamente avranno portato per lui e per i suoi genitori qualcosa di caldo e di buono. Mamma “pastora” avrà fatto la sua parte.

Nel racconto dei pastori ci sono tanti angeli, da stasera sentiamoli vicini nella nostra preghiera….

ANGELO DI DIO, CHE SEI IL MIO CUSTODE ILLUMINA, CUSTODISCI, REGGI E GOVERNA ME CHE TI FUI AFFIDATO DALLA PIETÀ CELESTE. Amen.