Don Piero Bellinaso

Cosi’ lo ricordano le ACLI di S. Donà.
“Fedelissimo collaboratore” di mons. Saretta, ha rappresentato “la sensibilità e la l’attenzione di lui per i problemi sociali e l’assistenza ai lavoratori e ai contadini del Sandonatese. In collaborazione con i primi fedelissimi amici Natale Pavanello, Agnese Dus e Amedeo Barbazza, primo presidente, don Piero diede avvio alla prima organizzazione del Circolo, con sede nell’istituto S. Giuseppe in via Campanile. Nel suo scritto “Il movimento operaio cristiano a S. Donà e Basso Piave 1945-1960”, egli testimonia  il suo attaccamento all’Associazione e le sue idee portanti nell’impegno lungo e appassionato per i problemi e la spiritualità dei lavoratori e lavoratrici. Restano i ricordi delle iniziative di preghiera e di formazione, di scuola professionale, di celebrazioni del 1° maggio e di conferenze e ‘mostre dei lavori’ per apprendisti, operai e operaie, per contadini e coltivatori diretti, con la loro ‘festa del ringraziamento’, fino alla preparazione degli emigranti, partenti per l’Argentina (!949). Le Acli hanno un debito di riconoscenza che non deve finire.  Ormai è con noi nella continua ricerca di essere fedeli all’impegno e al cammino aclista. Continueremo a ricordarlo nella preghiera.” (Commemorazione al precongresso provinciale ACLI, 08.03.03)