Essere missionari qui oggi: come?

Domenica 17 febbraio si è svolto il 2° incontro di discernimento comunitario parrocchiale. L’incontro prosegue con intensità il cammino “Adoratori e Missionari” che con il vescovo tutta la diocesi sta vivendo per ricercare e condividere quanto lo Spirito del Signore continua a suggerire alla comunità dei discepoli di Gesù che oggi vivono a San Donà e nella diocesi di Treviso.

Nella preghiera e nella comunicazione di quanto ognuno si porta dentro e vede e riflette in comunione con Cristo, ecco quanto è emerso dai dieci gruppi che hanno dato vita allo scambio. Condividiamo con la comunità tutta perché è un cammino insieme, che ci vede legati in un destino comune per l’annuncio e la trasmissione del tesoro più bello che abbiamo ricevuto: Gesù Cristo. Un tesoro che è vero e risplende e aumenta di valore solo quando è condiviso e non sepolto.
Il discernimento comunitario si è mosso a partire da due domande guida che hanno portato la condivisione sulle difficoltà che oggi si incontrano nell’annuncio e nel rendere testimonianza della fede che ci abita e dall’altra parte sulle possibilità, opportunità e iniziative di aiuto per renderla più consapevole, forte e efficace. I 130 partecipanti all’incontro si sono suddivisi per ambiti di vita ed esperienza, questo per rendere più “competente” e mirata la condivisione e l’apporto personale. Gli ambiti sono i seguenti: Realtà giovanile, Catechesi, Famiglia, Immigrati cattolici e di altre religioni, Scuola, Lavoro ed economia, Sanità, Poveri e ultimi, Politica, Mass-media.
Per rendere più semplice la lettura della sintesi delle condivisioni, abbiamo accorpato alcune tra le maggiori difficoltà che ritornano con frequenza nei vari ambiti; daremo invece più spazio alla parte “positiva”, perché in quella vi è la possibilità di rilanciare le carte della evangelizzazione-missione (far conoscere Gesù e rendere più bello e umano questo mondo).