Famiglia diventa ciò che sei: 3 incontri sul tema della libertà

Tutti gli incontri si svolgeranno alle 20:45, presso il Teatro Don Bosco, via XIII Martiri, 86 – San Donà di Piave.

Scarica la locandina, clicca qui.

Famiglia diventa ciò che sei-locandina

Proseguendo l'iniziativaFamiglia diventa ciò che sei!“, l'Oratorio Don Bosco, propone tre incontri per riflettere sul tema della libertà:

Che male c'è!?
 

Da alcuni decenni assistiamo al tentativo di affermare che il soddisfacimento dei bisogni dell'uomo si possa realizzare attraverso il riconoscimento dei cosiddetti “nuovi diritti”. Così si parla di diritto a qualunque tipo di matrimonio, diritto ad avere un figlio, a decidere della fine della propria vita, e così via…

La matrice comune a questa tendenza è il concetto di libertà assoluta, la pretesa di non essere legati a niente e a nessuno, la presunzione di poter decidere tutto su sé stessi. E' legittimo chiedersi: tutto questo è vera realizzazione o è solo effimera illusione? Non è troppo riduttivo chiudere la questione con un semplice “che male c'è” che lascia la nostra libertà in balia del sentire più diffuso? Non vale forse la pena ritornare ai fondamenti costitutivi della nostra umanità, al nostro “essere originale”, per trovare la verità su noi stessi?


 15 Gennaio 2016:Che male c'è? Non sono libero di fare quello che voglio?Le nostre scelte personali non possono emarginare il nostro essere biologico. Nascondere o negare le nostre caratteristiche costitutive non è conquista di libertà ma fonte di triste disorientamento.  Dott.ssa Chiara Mantovani, medico ed esperta di bioetica.

22 Gennaio 2016: Non chiederti cosa c'e' di male… ma cosa c'è di bene? È nella famiglia che l'uomo riceve la vita e impara a formare la coscienza distinguendo il bene dal male. Nella visione cristiana la famiglia ha un'origine naturale, è sacra, è un “piano di Dio” per il bene dell'uomo e della donna. Don Roberto Carelli, teologo.

5 Febbraio 2016: Bene e male: come orientare la libertà? Essere liberi non vuol dire essere in balia del fluire del tempo che ci condanna a muoverci in modo frenetico ed esaudire ogni desiderio che si traveste da diritto, ma aderire alla verità. “Faccio quello che mi pare – uso il mio tempo come voglio”. Siamo più liberi e più rapidi o manipolati da tanti “poteri forti?”Prof. Massimo Introvigne, sociologo.

 

Moderatore degli incontri Dott. Angelo Sergio Vianello, Notaio