Festa della Dedicazione della Basilica di Santa Maria Maggiore (Roma)

Papa FrancescoLa Basilica di Santa Maria Maggiore, sul colle Esquilino a Roma (a due passi dalla Stazione Termini), è il più antico tempio mariano d’Occidente.
La sua origine è la seguente. La notte del 4 agosto 358 La Vergine Maria comparve in sogno contemporaneamente a Papa Liberio e al patrizio Giovanni: “Mi costruirai una Chiesa dove troverai domani della neve fresca.”

Il patrizio Giovanni la mattina del 5 agosto corse dal Papa a comunicargli l’incredibile visione notturna e poco dopo la conferma del miracolo: il colle Esquilino è stato imbiancato da una nevicata d’agosto! Secondo la tradizione il Papa tracciò proprio sulla neve il perimetro della Chiesa ed il ricco Giovanni ne finanziò la costruzione.

L’attuale edificio sacro è quello voluto da Sisto III nel 431, eretto sulle vestigia del precedente allo scopo di lasciare scolpito nella pietra quanto scritto nelle carte dal Concilio di Efeso, e cioè che la Vergine era da considerarsi “Madre di Dio”.
Per secoli poi la Basilica, la terza definita “papale”, è stata ampliata e abbellita dall’arte di celebri maestri.
Papa Francesco, vi si è recato in preghiera il giorno dopo la sua elezione al Soglio petrino e al rientro dalla recente Gmg di Rio. Nello scorso 4 maggio vi ha recitato il Rosario, accompagnandolo da una riflessione sulla senso della maternità:

Una mamma aiuta i figli a crescere e vuole che crescano bene; per questo li educa a non cedere alla pigrizia – che deriva anche da un certo benessere -, a non adagiarsi in una vita comoda che si accontenta di avere solo delle cose. La mamma ha cura dei figli perché crescano sempre di più, crescano forti, capaci di prendersi responsabilità, di impegnarsi nella vita, di tendere a grandi ideali (…)
La Madonna fa proprio questo in noi, ci aiuta a crescere umanamente e nella fede, ad essere forti e non cedere alla tentazione dell’essere uomini e cristiani in modo superficiale, ma a vivere con responsabilità, a tendere sempre più in alto
“. (Rosario a S. Maria Maggiore, 4 maggio 2013) (Fonte: http://www.news.va/it/news/)

a cura di M.F.