Festa di San Giovanni Bosco e… di Bepi

Foto Dino Tommasella

 Ascolta l’omelia di mons. Enrico dal Covolo

San Giovanni Bosco, la cui festa liturgica è il 31 gennaio che quest’anno cade di venerdì, si è festeggiato solennemente in Duomo con la partecipata Messa delle 9.30: il 26 gennaio è anche la prima domenica della Parola, voluta da Papa Francesco.

Ha presieduto l’Eucarestia mons. Enrico dal Covolo, Vescovo salesiano titolare di Eraclea (Cittanova) ed originario di Feltre.

Tra i sacerdoti concelebranti, oltre all’Arciprete mons. Paolo Carnio, vi erano anche i tre sandonatesi don Francesco Cibin (da Natal, Brasile), don Alberto Maschio (da Belluno) e don Alberto Poles (da Verona); poi c’erano don Massimo Zagato direttore dell’Oratorio, il parroco di Mussetta don Edmondo Lanciarotta,  don Lorenzo Camporese (Parroco di Casarsa), don Gianfranco Coffele sdb, don Franco Campello sdb, don Lorenzo Piola sdb, don Michele Peruzzi sdb e don Gino Busatto.

L’occasione della festa è stata doppia, perché ricorrono anche i sessant’anni di presenza nell’Oratorio del salesiano coadiutore Giuseppe (Bepi) Arvotti che, dall’allora Ispettore don Fava, fu inviato “provvisoriamente” a San Donà arrivandovi l’1 febbraio 1960.

Ha la sua verità, quindi, la risposta ad alta voce di un bambino quando il Vescovo ha chiesto chi si festeggiava: “Bepi!” seguito dal sorriso ed applauso di tutti.

Ha poi ricordato il direttore dell’Oratorio don Massimo che per conoscere don Bosco a San Donà bisogna conoscere Bepi…

Alla fine dell’Eucarestia, prima delle note dell’inno a Don Bosco “Giù dai colli” intonato dalla Banda dell’Oratorio, è stata consegnata una pergamena di augurio di Papa Francesco portata da Roma dallo stesso mons. Dal Covolo.

In un altro momento di festa tenutosi poi nel teatro dell’Oratorio il Sindaco Andrea Cereser ha consegnato a Bepi Arvotti le chiavi della città.

 M.F.

 

 

 

 

Link di approfondimento al sito dell’Oratorio don Bosco: