I bambini della scuola dell’Infanzia San Luigi regalano uno spettacolo ai nonni della Casa di Riposo di San Donà

Per la Scuola dell’Infanzia parrocchiale San Luigi la Festa per i nonni è una tradizione: dopo lo spettacolo di tutti i bambini per i loro nonni, i bambini rossi (i bambini grandi di 5 anni) si sono recati alla Casa di Riposo comunale ‘Monumento ai caduti in guerra’ per offrire uno spettacolo di danze, canzoni e filastrocche accompagnati dalle loro maestre e dall’insegnante Manuela del laboratorio di musica. Il timore iniziale dovuto al nuovo ambiente è stato subito superato grazie alla calorosa accoglienza degli ospiti e del personale della struttura, tanto che, alla fine, si sono reciprocamente dati appuntamento per l’anno prossimo.
Ascolta una canzone dello spettacolo.
Dopo l’esperienza i bambini raccontano:
– C’erano tanti nonni, ma non tutti sapevano camminare.
– Erano seduti sul passeggino.
– Un nonno aveva gli occhiali da sole perché non ci vedeva, era senza un occhio.
– Abbiamo cantato e detto la filastrocca, i nonni erano contenti.
– Qualcuno dormiva.
– Camminavano con il bastone.
– Dei nonni erano senza denti.
– Una nonna diceva tante volte AAAAAAAAAAAH
– Siamo andati alla casa di riposo, è una casa per i nonni che si ammalano, e anche che sono un po’ vecchi , la casa – di riposo è dove i nonni quando hanno finito di lavorare vanno in casa di cura.
– Abbiamo fatto le canzoni ai nonni.
– Abbiamo fatto la musichetta per i nonni un po’ vecchi.
– E poi abbiamo dato dei regalini ai nonni, abbiamo dato i coniglietti sul bastoncino.
– Quando gli ho dato il regalo mi ha detto grazie.
– A me anche se aveva già la farfalla e il leone voleva anche il mio e io gliel’ho dato.
– Io quando eravamo alla festa, quella là dei nonni vecchi gli abbiamo dato un regalino così se li mettono nella sua cameretta e si ricordano di noi, erano felici.
– C’era una nonna che era senza denti.
– Ma perché quando la nonna troppo vecchia tu gli davi la mano?
– (maestra:) Forse ci voleva salutare e allora mi ha preso la mano e io l’ho salutata così, stringendole la mano, guardandola negli occhi e sorridendole.
– Nella casa di riposo c’erano tanti disegni sui muri erano i pittori che li hanno pitturati.
– Siii mi ricordo! un albero anche gli uccellini e le lucertole.
– C’era anche un nido e poi c’erano anche le stelle.
– Io mi ricordo che abbiamo fatto la caccia al tesoro cercando le cose che quel signore ci diceva.
– E poi loro ci hanno dato il diploma e anche le caramelle.
– Poi li abbiamo salutati e ci hanno detto di tornare a trovarli ancora e siamo tornati a scuola.