Il dopo-scuola di Casa Saretta

Per la prima volta quest’anno si è dovuto ricorrere alla lista di attesa per far fronte alle numerose domande delle famiglie che hanno difficoltà con i minori. I 60 bambini iscritti rappresentano il massimo recettivo della struttura, sono assistiti da quattro insegnanti e da alcune volontarie che seguono i casi particolari. Circa una quarantina usufruisce anche del pranzo al rientro dalla scuola.
La suora direttrice è contenta di essere impegnata in un’attività che finalmente, a suo dire, le permette di realizzare il carisma della sua congregazione, quello delle suore della carità.
Dal canto suo, la comunità parrocchiale vede confermata la sua lunga tradizione di servizio caritativo offerto alla città, facendosi vicina alle famiglia in disagio e aiutando i minori svantaggiati.
E’ un motivo di gratitudine al Signore che permette di tener vivo un segno non equivoco dell’efficacia del suo vangelo.