Il ringraziamento della comunità a don Gino

Ecco il testo dei saluti che Andrea Cereser ha rivolto a don Gino a nome di tutta la comunità, in occasione della messa serale di venerdì 16 maggio 2008, per i suoi primi 10 anni di servizio come arciprete della parrocchia.

“Chi vuol salvare la propria vita la perderà,

chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo la salverà”

Essere innamorati del Padre al punto da lasciare ogni cosa: casa, famiglia, campi (avete presente i bellissimi campi di terra rossa di Fanzolo ed il contorno degli splendidi colli asolani?) per una terra sconosciuta fatta di luoghi, persone, situazioni nuove.

Avere così fiducia in Lui da confidare nella Sua presenza continua, ma anche materiale, che prende il corpo, il viso, le braccia, la voce di tanti fratelli e confratelli, compagni di strada in questa avventura chiamata “vita”.

Riconoscere, alla fine, di essere piccoli, limitati, bisognosi di aiuto, oggetto di aiuto e, quindi, amati.

Comprendere che tutti siamo in questa condizione e che alcuni, poi, non avendo ancora conosciuto il Padre, stanno anche peggio.

In virtù di ciò, sviluppare una particolare sensibilità e capacità di leggere le diverse situazioni di vita.

Offrire con coerenza una proposta di salvezza, quella del Padre, e, attraverso i Sacramenti, dare la possibilità di incontrarlo di persona.

Per questa tua vita “persa”, don Gino, spesa per noi e per i nostri fratelli, noi ringraziamo te e il Padre e ti auguriamo di continuare a dirigere i tuoi passi sulla Sua via, come Egli vuole.