Incontro con padre Aldo Trento

Incontro con padre Aldo Trento e suor SoniaLink al video dell’incontro

La Sala Ronchi del Consorzio di Bonifica era gremita di persone giunte per ascoltare, dal protagonista stesso, l’incredibile testimonianza di padre Aldo Trento, sacerdote in Paraguay.

Con il linguaggio ruvido che gli è proprio, padre Aldo ha raccontato della fioritura della sua vita, avvenuta proprio quando desiderava solo morire a causa della grave depressione che lo attanagliava per gli errori commessi malgrado la sua condizione sacerdotale, ivi compreso l’amore per una parrocchiana.

Mentre si dibatteva nell’angoscia della malattia psichica, ricavando scarso aiuto dai percorsi terapeutici tradizionali, fu proprio allora che don Luigi Giussani lo prese nel suo abbraccio paterno facendogli la più assurda delle proposte: andare in missione in Paraguay e verificare da sè che tipo di uomo fosse e volesse essere.

Laggiù padre Aldo nel dolore grande dei bambini malati terminali incontra Cristo e decide di offrire totalmente a Lui la sua povera vita attraverso il servizio a questi piccoli sofferenti. Sperimenta il perdono del Signore e può dunque cominciare a perdonare sè stesso. Da questo “sì” fiorisce una vita nuova per lui e per quanti lo incontrano e, una ad una, germogliano opere a favore delle persone con le situazioni più drammatiche e disperate.

Oggi Padre Aldo, pur provato nel fisico, è a capo di 16 opere a carattere sanitario, educativo e socio assistenziale, è in costante contatto con il Presidente della Repubblica del Paraguay e il Parlamento gli ha conferito all’unanimità la cittadinanza per l’importanza delle sue opere per quel popolo….tuttavia Padre Aldo parla sempre di sè come di un somaro e ogni occasione gli è utile per dire come Dio si serva veramente di chiunque per costruire il suo regno.

Era accompagnato da alcuni dei responsabili delle sue opere tra i quali suor Sonia, una giovane carmelitana a cui il sacerdote intende lasciare ogni responsabilità quando lui non sarà più in grado di farsene carico.

L’uditorio ha ascoltato in un silenzio commosso la testimonianza di Suor Sonia, anche essa “rinata” alla vita dopo un periodo di grave sofferenza, grazie all’incontro con l’esperienza di questo prete che ha le sue radici nel bellunese e i suoi germogli dall’altra parte dell’oceano.

La sua storia ha veramente fatto il giro del mondo. Un uomo che ha sofferto e soffre, evidentemente inquieto umanamente, ma certo del misericordioso abbraccio di Cristo, unica linfa delle sue giornate. Un uomo che non si è lasciato definire totalmente dalla sua patologia mentale, ma ha trovato (grazie all’abbraccio fiducioso di don Giussani) la forza per lanciare la sua vita oltre la diagnosi, fiorendo in Cristo per i fratelli.

Anita

———————

Suor Sonia25 Gennaio ore 15.55, “fra mezz’ora si inizia, spero che Padre Aldo sia puntuale. Dicono che, a volte, non lo è, un po’ per l’indole latino-americana, un po’ perché è un uomo libero che non ama le agende, le programmazioni…, sì ma noi abbiamo preso degli impegni con la gente, cosa diciamo, che ha avuto un contrattempo?“

Sto camminando affrettando il passo con Carla, Pietro e Alvise. Letizia oggi ha fatto altre scelte, “devo imparare a rispettare la sua libertà” mi dico, senza  troppa convinzione.

Passo  a fianco ad un furgone bianco con una scritta evocativa, vedo scendere delle persone indubbiamente sudamericane e, fra loro, un uomo dai connotati familiari che mi guarda, “E’ lui”, lo abbraccio senza formalità, dietro di lui scende una suora, la Hermana Sonia, dal viso raggiante, solare, mi colpisce la serenità del suo volto.

Sento una enorme tenerezza per me e per quello che sta per accadere con una normalità ed una naturalezza che già di per sé sono ragione di stupore. Che familiarità è mai questa mi chiedo, “stupido, non sai che abbiamo lo stesso cognome!” mi dico.

Penso al volto sorridente dei miei amici, cerco in pochi istanti i loro volti ad  uno ad uno nella memoria, penso a che matti siamo stati ad accettare questa sfida, ignaro che non  fossero ancora finite le sorprese.

Ci avviamo verso la Sala, l’abbiamo voluta fortemente in Centro Città perché fosse un gesto vissuto fino in fondo, è gremita di folla, almeno il doppio del previsto, gente per le scale, qualcuno a caccia di sedie, qualcun altro a  simulare impedimenti fisici  che non lasciassero dubbi sul diritto a sedere.

Padre Aldo ci chiede se abbiamo un videoproiettore, “cosa? Letizia non ci ha detto niente”, è facile pensare che neanche lo sapesse, e poi non c’è tempo, la gente è in piedi, bisogna andare.

Padre Aldo sembra non curarsi di nulla, serafico, lo guardo e mi tranquillizzo all’istante, si vede che vive un rapporto “certo” per cui non teme nulla, nemmeno le figuracce, cerco di cominciare ad imparare fin d’ora un atteggiamento nuovo, si squarcia il velo delle mie congetture ed appaiono le prime parole che ho sentito da lui, al meeting di Rimini nel 2008, talmente importanti da ricordare il luogo, l’amico che era con me, l’ora: “Corazón maldito por què palpitas?”

Mi ha sempre colpito questa persona, quante volte cerco di imparare con i miei malati il suo sguardo, la sua visione di totalità dentro il dolore, quante volte ho chiesto:”voglio essere così”. Stranamente, vivo con lui una familiarità che sa di promessa, non di frustrazione.

Iniziamo, senza immagini.

Suor Sonia suona l’arpa in modo celestiale, sembrano un tutt’uno.

Padre Aldo racconta dei suoi figli, di quanti accoglie nelle sue opere, unica condizione che non abbiano neanche un euro in tasca, di quanto severo ed attento sia nella vicinanza al dolore dell’Umanità che il mondo nega e relega.

Usa modi a volte brutali, scuotenti, anche nel descrivere i suoi rapportin con il Personale della Clinica.

Si illumina quando dice “il vertice della carità è la Bellezza” e racconta come ogni malato abbia fiori freschi sul comodino, nonostante le ristrettezze economiche.

Ci illuminiamo tutti davanti a tanto stupore.

Come possono coesistere tanto male e tanta bellezza?

Non ci basta liquidare la domanda con risposte sbrigative, ci fidiamo di dove Padre Aldo e Suor Sonia ci stanno portando, restiamo due ore a sentirli.

Si capisce strada facendo che la risposta esiste ed è possibile solo prendendo sul serio il grido che siamo.

Suor Sonia racconta della sua conversione, del bisogno che aveva di essere presa per sempre e per intero dentro un amore infinito come quando ha chiesto un appuntamento a Padre Aldo e si è sentita rispondere da lui “ora!”, perché nell’istante il Verbo si fa carne.

Non l’ha più lasciato.

Dicono cose di una profondità definitiva: “a me interessa che incontriate Cristo!”

Alla fine, un professore a me caro si alza di sobbalzo e corre incontro  a Padre Aldo dicendo: “ trentacinque anni di lezione a Psicologia e non ho mai sentito una relazione così perfetta!”

Certo non è il contenuto dell’incontro ma l’evidenza di una diversità desiderabile, questo sì. 

Non mi va di lasciarlo, gli amici di Chioggia sono già arrivati e restano pochi minuti, lo abbraccio, gli dico che non vorrei che andasse via, mi guarda teneramente e mi dice: “ti aspetto, vieni a trovarmi”,  un altro dono da chiedere, un altro motivo per cui essere grato.

Andrea