Home Associazioni Gruppo Missionario Don Ambrogio Boem incontra il Gruppo Missionario a San Donà

Download


Orario delle messe nel Duomo

Orario delle messe nelle chiese sandonatesi


Adorazione eucaristica in città

Liturgia del giorno


Indice della sezione

youtube

Translate

Don Ambrogio Boem incontra il Gruppo Missionario a San Donà PDF Stampa E-mail Visite: 4093
Gruppo Missionario
Sabato 29 Dicembre 2012 10:58
carattereaumentadiminuisci
don Ambrogio Boem, missionarioDon Ambrogio (Ambrosio) Boem è ritornato recentemente in Italia per la morte dell'ultima sorella, che viveva a Mussetta. Ha voluto anche incontrare il Gruppo Missionario "P. Sergio Sorgon" con cui è in contatto da molti anni, come gli altri missionari sandonatesi.
Il salesiano don Ambrogio Boem è nato a San Donà di Piave il 5 settembre 1930. Da giovane frequentava l'Oratorio Don Bosco e la Parrocchia del Duomo. Tra i suoi amici sandonatesi vi sono i salesiani don Siro Pellizzaro, don Giancarlo Zanutto e don Giancarlo Botter.
Nel 1952, come tirocinante a 22 anni di età, partì per il Mato Grosso (Brasile): tutt'oggi i suoi ex-allievi di allora lo invitano per una visita.
Completò gli studi a Monteortone (PD) e quindi venne ordinato sacerdote il 23 marzo 1964, data impressa nel suo indirizzo mail. In seguito don Ambrogio conseguì la laurea in lingue all'Università Ca' Foscari di Venezia.
 
Dal 1980 p. Boem è in Messico, dove è stato direttore nel Collegio Salesiano di Città del Messico. Morelia, MessicoAttualmente è a Morelia, 300 km a nord-ovest della Capitale, dove cura le celebrazioni della chiesa annessa all'Istituto Salesiano "Antonio de Mendoza" della bella città in stile coloniale.
Spesso p. Ambrosio (così lo chiamano in Messico) è spesso invitato negli USA a predicare per due mesi in varie parrocchie: il numero dei suoi viaggi interni in aereo negli Stati Uniti è tale che tuttora ha un bonus di chilometri che gli permette di volare gratis da e per l'Italia.
Grazie alla sua perfetta conoscenza sia dello spagnolo che dell'inglese, p. Ambrosio è stato traduttore nel Capitolo Generale che ha eletto l'attuale Rettor Maggiore dei Salesiani, don Pascual Chávez, atteso all'Oratorio Don Bosco di San Donà per il prossimo 26 gennaio 2013.

don Ambrogio Boem incontra il gruppo missionario "P. Sergio Sorgon"L'incontro con il Gruppo Missionario del 19 dicembre ha preso avvio dalla riflessione che deriva dal libro intervista di Papa Benedetto XVI "Luce del mondo":
"Senza la luce divina la vita è spenta; le luci d'oggi ti abbagliano. C'è desiderio di Dio, di Verità, ma come annunciarla, soprattutto ai giovani?" È la domanda che si pone p. Ambrogio. E ancora: "I giovani hanno bisogno di maestri. Come annunciare ai giovani, a Natale, che Gesù è la vera luce?"
Da salesiano p. Boem si chiede come arrivare alla gioventù, come aggiornare il linguaggio per renderlo idoneo a parlare e comunicare con i giovani: ci vuole una grande preparazione.
Il salesiano non si sente certo carente di idee e argomenti, solo si rende conto che fa fatica a trovare il linguaggio adatto per arrivare alle fasce più giovani della società. Da qualche anno ha così lasciato la direzione del collegio di Città del Messico, nonostante sia i giovani che gli insegnanti volessero che continuasse.
"La fede cattolica chiede all'uomo solo di essere uomo; ti indica come spendere bene la tua vita: è l'unica forza che ti fa crescere". Nel continente americano anglofono, ma non solo, la lotta contro la chiesa cattolica è frontale...

Il Messico è uno stato esteso sei volte l'Italia, con circa 100 milioni di abitanti, 24 milioni dei quali concentrato a Città del Messico. Purtroppo è aumentata negli ultimi anni la violenza legata al traffico della droga, che coinvolge molti giovani, assoldati come killer e spacciatori.
L'Istituto Salesiano "A. de Mendoza" di Morelia (dove vi sono classi elementari, medie e superiori) è molto frequentato dai ragazzi e giovani per la simpatia a Don Bosco e verso i Salesiani; i genitori, poi, vi mandano volentieri i loro figli, perché lì sono seguiti e la scuola è seria.
P. Ambrogio definisce il popolo messicano molto gentile e servizievole, solidale e rispettoso, in una parola "nobile": allora gli si può perdonare volentieri la non proprio proverbiale puntualità...
"È la festa della Madonna di Guadalupe (12 dicembre) che tiene uniti i messicani e per Lei sono disposti a tutto: è la bandiera del Messico", sottolinea p. Ambrogio.
A Città del Messico è stata predisposta appositamente la "Avenida los Misterios", una strada a sei corsie che permette ai numerosissimi pellegrini di arrivare al Santuario. Quando è lì, p. Ambrogio celebra la Messa in uno dei tanti altari, il n. 5. In Messico c'è l'usanza dell'Adorazione perpetua, in tutte le chiese, anche a Morelia.
M.F.


La storia straordinaria delle apparizioni e dell'immagine miracolosa di Guadalupe

Il 6 maggio 1990, in occasione di un pellegrinaggio in Messico, il Santo Padre Giovanni Paolo II Immagine dela Vergine di Guadalupebeatificava il messaggero di Nostra Signora, Juan Diego, e diceva:
«La Vergine ha scelto Juan Diego fra i più umili, per ricevere quella manifestazione affabile e benigna che fu l'apparizione di Nostra Signora di Guadalupe. Il suo viso materno sulla santa Immagine che ci lasciò in dono ne è un ricordo imperituro».
Nel secolo XVI, la Santa Vergine, piena di pietà per il popolo azteco che, vivendo nelle tenebre dell'idolatria, offriva agli idoli innumerevoli vittime umane, si è degnata di prendere in mano essa medesima l'evangelizzazione degli Indiani dell'America Centrale che erano anch'essi suoi figli.
I sacerdoti aztechi avevano profetizzato che il loro popolo nomade si sarebbe insediato nel luogo in cui si fosse mostrata un'aquila che, appollaiata su un cactus, divorasse un serpente. L'aquila figura sulla bandiera del Messico attuale.
Giunti su un'isola palustre, in mezzo al lago Texcoco, gli Aztechi vedono compiersi il preannunciato presagio: un'aquila, appollaiata su un cactus, sta divorando un serpente: è il 1369.
Fondano lì la città di Tenochtitlán (futura Città del Messico). La potenza e la prosperità di Tenochtitlán sono dovute soprattutto alla guerra. Le città conquistate devono pagare un tributo di derrate varie e di uomini per la guerra e per i sacrifici. I sacrifici umani e l'antropofagia degli Aztechi hanno pochi riscontri analoghi nel corso della storia.
Nel 1474, nasce un bambino cui vien dato il nome di Cuauhtlatoazin («aquila parlante»). Alla morte di suo padre, è lo zio che si incarica del piccolo. Fin dall'età di tre anni, gli si insegna, come a tutti i bambini aztechi, a partecipare ai lavori domestici ed a comportarsi dignitosamente. A scuola, impara il canto, la danza e soprattutto la religione con i suoi molteplici dèi. I sacerdoti hanno una grande influenza sulla popolazione, che mantengono in una sottomissione che va fino al terrore.
Cuauhtlatoazin ha tredici anni, quando si procede alla consacrazione del gran Tempio di Tenochtitlán. Nel corso di quattro giorni, i sacerdoti sacrificano al loro dio 80.000 vittime umane. Dopo il servizio militare, Cuauhtlatoazin si sposa con una ragazza della sua condizione. Insieme, conducono una modesta vita di agricoltori.
Nel 1519, lo spagnolo Cortés sbarca nel Messico, alla testa di più di 500 soldati. Conquista il paese per conto della Spagna, ma non senza zelo per l'evangelizzazione degli Aztechi; nel 1524, ottiene la venuta a Città del Messico di dodici Francescani. I missionari s'integrano facilmente nella popolazione; la loro bontà contrasta con la durezza dei sacerdoti aztechi e con quella di certi conquistatori. Si cominciano a costruire chiese. Tuttavia, gli Indiani si mostrano assai refrattari al Battesimo, soprattutto a causa della poligamia che dovrebbero abbandonare.
Cuauhtlatoazin e sua moglie sono fra i primi a ricevere il Battesimo, ed assumono rispettivamente i nomi di Juan Diego e Maria Lucia. Alla morte di quest'ultima, nel 1529, Juan Diego si ritira a Tolpetlac, a 14 km da Città del Messico, presso lo zio Juan Bernardino, diventato pure lui cristiano.

L'apparizione della Vergine

Il 9 dicembre 1531, come sempre il sabato, egli parte prestissimo la mattina per assistere alla Messa celebrata in onore della Santa Vergine, presso i Frati francescani, vicino a Città del Messico.
Passa ai piedi della collina di Tepeyac (vicino alla odierna Città del Messico, denominate di Guadalupe, vocabolo spagnolo derivato per semplice somiglianza di suono dalla parola azteca Cuatlaxupeh = colei che calpesta il serpente).
Improvvisamente, sente un canto dolce e sonoro che gli sembra provenga da una gran moltitudine di uccelli. Alzando gli occhi verso la cima della collina, vede una nuvola bianca e sfavillante. Guarda intorno a sé e si chiede se non stia sognando. Improvvisamente il canto tace ed una voce di donna, dolce e delicata, lo chiama: «Juanito! Juan Dieguito!»
S'inerpica rapidamente sulla collina e si trova davanti ad una giovane bellissima, le cui vesti brillano come il sole. Rivolgendosi a lui in nahuatl, la sua lingua materna, gli dice:
«Figlio mio, Juanito, dove vai? – Nobile Signora, mia Regina, vado a Messa a Città del Messico per apprendervi le cose divine che ci insegna il sacerdote. – Voglio che tu sappia con certezza, caro figlio, che io sono la perfetta e sempre Vergine Maria, Madre del vero Dio da cui proviene ogni vita, il Signore di tutte le cose, Creatore del cielo e della terra. Ho un grandissimo desiderio: che si costruisca, in mio onore, un tempio in cui manifesterò il mio amore, la mia compassione e la mia protezione. Sono vostra madre, piena di pietà e d'amore per voi e per tutti coloro che mi amano, hanno fiducia in me e a me ricorrono. Ascolterò le loro lamentele e lenirò la loro afflizione e le loro sofferenze. Perché possa manifestare tutto il mio amore, va' ora dal vescovo, a Città del Messico, e digli che ti mando da lui per fargli conoscere il grande desiderio che provo di veder costruire, qui, un tempio a me consacrato».
Juan Diego si reca immediatamente al vescovado. Mons. Zumárraga, religioso francescano, primo vescovo di Città del Messico, è un uomo pio e pieno di zelo il cui cuore trabocca di bontà per gli Indiani; ascolta attentamente il pover'uomo, ma, temendo un'illusione, non gli dà credito. Verso sera, Juan Diego prende la via del ritorno. In cima alla collina di Tepeyac, ha la felice sorpresa di ritrovare l'Apparizione; rende conto della sua missione, poi aggiunge:
«Vi supplico di affidare il vostro messaggio a qualcuno più noto e rispettato, affinché possa essere creduto. Io sono solo un modesto Indiano che avete mandato da una persona altolocata in qualità di messaggero. Perciò non sono stato creduto ed ho potuto soltanto causarvi una gran delusione. "Figlio carissimo, risponde la Signora, devi capire che vi sono persone molto più nobili cui avrei potuto affidare il mio messaggio, e tuttavia è grazie a te che il mio progetto si realizzerà. Torna domani dal vescovo... digli che sono io in persona, la Santa Vergine Maria, Madre di Dio, che ti manda».
La domenica mattina dopo la Messa, Juan Diego si reca dal vescovo. Il prelato gli fa molte domande, poi chiede un segno tangibile della realtà dell'apparizione. Quando Juan Diego se ne torna a casa, il vescovo lo fa seguire discretamente da due domestici. Sul ponte di Tepeyac, Juan Diego scompare ai loro occhi, e, malgrado tutte le ricerche effettuate sulla collina e nei dintorni, essi non lo ritrovano più. Furenti, dichiarano al vescovo che egli è un impostore e che non bisogna assolutamente credergli. Durante il medesimo tempo, Juan Diego riferisce alla bella Signora, che lo aspettava sulla collina, il nuovo colloquio avuto con il vescovo: «Torna domattina a prendere il segno che reclama», risponde l'Apparizione.

Rose, in pieno inverno!

Tornando a casa, l'Indiano trova lo zio malato e il giorno seguente deve rimanere al suo capezzale per curarlo. Poiché la malattia si aggrava, lo zio chiede al nipote di andare a cercare un sacerdote.
All'alba, il martedì 12 dicembre, Juan Diego si avvia verso la città. Quando si avvicina alla collina di Tepeyac, giudica preferibile fare una deviazione per non incontrare la Signora. Ma, improvvisamente, la vede venirgli incontro. Tutto confuso, le espone la situazione e promette di tornare non appena avrà trovato un sacerdote per dare l'olio santo allo zio.
«Figliolo caro, replica l'Apparizione, non affliggerti per la malattia di tuo zio, perché egli non morirà. Ti assicuro che guarirà... Va' fin in cima alla collina, cogli i fiori che ci vedrai e portameli».
Arrivato in cima, l'Indiano è stupefatto di trovarvi un gran numero di fiori sbocciati, rose di Castiglia, che spandono un profumo quanto mai soave. In questa stagione invernale, infatti, il freddo non lascia sussistere nulla, ed il luogo è troppo arido per permettere la coltura dei fiori. Juan Diego coglie le rose, le deposita nel mantello, o tilma, poi ridiscende dalla collina.
«Figlio caro, dice la Signora, questi fiori sono il segno che darai al vescovo... Questo lo disporrà a costruire il tempio che gli ho chiesto». Juan Diego corre al vescovado. Quando arriva, i domestici lo fanno aspettare per lunghe ore. Stupiti che sia tanto paziente, e incuriositi da quel che porta nella tilma, finiscono per avvertire il vescovo, il quale, malgrado si trovi in compagnia di parecchie persone, lo fa entrare immediatamente. L'Indiano racconta la sua avventura, apre la tilma e lascia sparpagliarsi per terra i fiori ancora brillanti di rugiada. Con le lacrime agli occhi, Monsignor Zumárraga cade in ginocchio, ammirando le rose del suo paese.
Ad un tratto, scorge, sulla tilma, il ritratto di Nostra Signora. Vi è Maria, come impressa sul mantello, bellissima e piena di dolcezza. I dubbi del vescovo lasciano il posto ad una solida fede e ad una speranza incantata. Prende la tilma e le rose, e le deposita rispettosamente nel suo oratorio privato. Il giorno dopo, si reca con Juan Diego sulla collina delle apparizioni. Dopo aver esaminato i luoghi, lascia che il veggente torni dallo zio. Juan Bernardino è effettivamente guarito. La guarigione si è prodotta all'ora stessa in cui Nostra Signora appariva a suo nipote. Racconta: «L'ho vista anch'io. È venuta proprio qui e mi ha parlato. Vuole che le si eriga un tempio sulla collina di Tepeyac e che si chiami il suo ritratto «Santa Maria di Guadalupe». Ma non mi ha spiegato perché». Il nome di Guadalupe è ben noto agli Spagnoli, poiché esiste nel loro paese un antichissimo santuario consacrato a Nostra Signora di Guadalupe.
La notizia del miracolo si sparge rapidamente; in poco tempo, Juan Diego diventa popolare: «Accrescerò la tua fama», gli aveva detto Maria; ma l'Indiano rimane sempre altrettanto umile. Per facilitare la contemplazione dell'Immagine, Monsignor Zumárraga fa trasportare la tilma nella cattedrale. Poi intraprende la costruzione di una chiesetta e di un eremo, per Juan Diego, sulla collina delle apparizioni. Il 25 dicembre seguente, il vescovo consacra la cattedrale alla Santissima Vergine, al fine di ringraziarla per i favori insigni di cui Ella ha ricolmato la diocesi; poi, in una magnifica processione, l'Immagine miracolosa viene portata verso il santuario di Tepeyac, che è appena stato ultimato.
Per manifestare la loro gioia, gli Indiani tirano frecce. Una di esse, lanciata senza precauzioni, trafigge la gola di uno dei presenti che cade a terra, ferito mortalmente. Subentra un silenzio impressionante ed una supplica intensa sale verso la Madre di Dio. Improvvisamente, il ferito, che è stato depositato ai piedi dell'Immagine miracolosa, riprende i sensi e si rialza, pieno di vigore. L'entusiasmo della folla è al colmo.

Milioni d'Indiani diventati Cristiani

Juan Diego si sistema nel piccolo eremo e veglia alla manutenzione ed alla pulizia del luogo. La sua vita rimane molto modesta: coltiva con cura un campo messo a sua disposizione presso il santuario. Riceve i pellegrini, sempre più numerosi, parlando loro con molto piacere della Santa Vergine e raccontando senza stancarsi i particolari delle apparizioni. Gli vengono affidate intenzioni di preghiere di ogni genere. Ascolta, compatisce, conforta. Passa una gran parte del suo tempo libero in contemplazione davanti all'immagine della sua Signora; i suoi progressi sulla via della santità sono rapidi. Un giorno dopo l'altro, compie la sua missione di testimone, fino alla morte che avverrà il 9 dicembre 1548, diciassette anni dopo la prima apparizione.
Quando gli Indiani appresero la notizia delle apparizioni di Nostra Signora, si sparsero fra loro un entusiasmo ed una gioia indicibili. Rinunciando agli idoli, alle superstizioni, ai sacrifici umani ed alla poligamia, molti chiesero il Battesimo. Nei nove anni che seguirono le apparizioni, nove milioni di loro furono convertiti alla fede cristiana, vale a dire 3000 al giorno!
I particolari dell'Immagine di Maria colpiscono profondamente gli Indiani: quella donna è più grande del "dio-sole", poiché appare in piedi davanti al sole; supera il "dio-luna", poiché tiene la luna sotto ai suoi piedi; non è più di questo mondo, poiché è circondata di nuvole ed è tenuta al di sopra del mondo da un angelo; le mani giunte la mostrano in preghiera, il che significa che c'è qualcuno di più grande di lei...

Il mistero dell'Immagine

Ma, ancora oggi, il mistero dell'Immagine miracolosa è grande. La tilma, vasto grembiule tessuto a mano con fibre di cactus, porta l'Immagine sacra di un'altezza di 1,43 m. Il viso della Vergine è perfettamente ovale e di un color grigio che tende al rosa. Gli occhi hanno un'intensa espressione di purezza e di dolcezza. La bocca sembra sorridere. La bellissima faccia, simile a quella di un'Indiana meticcia, è incorniciata da una chioma nera che, vista da vicino, comporta capelli di seta. Un'ampia tunica, di un rosa incarnato che non si è mai potuto riprodurre, la copre fino ai piedi. Il mantello, azzurro-verde, è bordato di un gallone d'oro e cosparso di stelle. Un sole di vari toni forma uno sfondo magnifico in cui brillano raggi d'oro.
La conservazione della tilma, dal 1531 ad oggi, rimane inspiegabile. In capo a più di quattro secoli, la stoffa, di qualità mediocre, conserva la stessa freschezza, la stessa vivacità di toni che aveva in origine. In confronto, una copia dell'Immagine di Nostra Signora di Guadalupe, dipinta con gran cura nel secolo XVIII e conservata nelle stesse condizioni climatiche di quella di Juan Diego, si è completamente degradata in pochi anni. All'inizio del secolo XX, periodo doloroso di rivoluzioni per il Messico, una carica di dinamite fu depositata da miscredenti sotto l'Immagine, in un vaso pieno di fiori. L'esplosione ha distrutto i gradini di marmo dell'altare maggiore, i candelabri, tutti i portafiori; il marmo dell'altare fu fatto a pezzi, il Cristo di ottone del tabernacolo si piegò in due. I vetri della maggior parte delle case circostanti la basilica si ruppero, ma quello che proteggeva l'Immagine non fu nemmeno incrinato: l'Immagine rimase intatta.



 
 

Vite da raccontare

Storia e Persone - Vite da raccontare
don Severino De Pieri
Domenica 17 Giugno 2012
Domenica 24 giugno, nel Duomo di San Donà di Piave, Don Severino De Pieri, salesiano, celebrerà alle ore 9.30 la Santa Messa Solenne per il 50° della sua Ordinazione Sacerdotale.
Terrà l'omelia di ringraziamento a Dio il concittadino salesiano Don Tranquillo Barosco, della medesima Comunità dell'Istituto Salesiano Astori di Mogliano Veneto, in cui entrambi risiedono e lavorano.
Sono invitati parenti, amici, parrocchiani e concittadini, in particolare ex allievi dell'Oratorio Don Bosco.
(scarica il pdf con il "santino" preparato per la ricorrenza)

Storia e Persone - Vite da raccontare
Eleonora Simonato
Martedì 25 Maggio 2010
La comunità parrocchiale del Duomo di San Donà di Piave è in festa...ma forse non lo sa!
Non sono in molti infatti a conoscere Eleonora Simonato, giovane trentenne che domenica 9 maggio scorso ha profuso la professione religiosa perpetua come carmelitana nel monastero del Sacro Cuore di Torino, alla presenza del cardinale Mons. Poletto (originario di Salgareda).

La sua è una storia vissuta, e possiamo dire contrassegnata, dal "nascondimento".
Nei suoi anni di adolescente ha partecipato agli scout, ed è sempre stata vicina alla vita della comunità parrocchiale, continuando nella sua formazione religiosa.
La frequentazione di Venezia per motivi di studio, l'ha avvicinata ad alcune esperienze di vita consacrata, tra cui quella della vita monastica delle carmelitane scalze.
Il desiderio di approfondire quella che era la sua vocazione, la chiamata che il Signore aveva pensato per lei, l'ha portata a conoscere ...continua
Storia e Persone - Vite da raccontare
Quel Buon Pastore che prende Giuda sulle spalle
Mercoledì 26 Aprile 2017
A 56 anni dalla  morte di don Primo Mazzolari
 
don Primo Mazzolari Venne a San Donà nella quaresima del 1958, per una Missione al popolo. Con lui arrivarono anche altri sacerdoti 'missionari', per predicare alla popolazione sandonatese...

Quel Buon Pastore che prende Giuda sulle spalle

Il Papa in un recente intervento ha citato l’esempio del capitello della basilica di Santa Maria Maddalena a Vèzelay, che ritrae l’apostolo traditore portato da Gesù. Nel suo discorso ricorda una omelia di don Primo Mazzolari. Clicca qui per leggere l'intervento di papa Francesco.
 
Leggi l'omelia citata da papa Francesco o ascolta l'audio originale: Registrazione effettuata a Bozzolo – Giovedì Santo 1958, ascolta l'audio, clicca qui
 
Nostro fratello Giuda
di Don Primo Mazzolari

Miei cari fratelli, è ...continua

Orari

Orario Messe
Feriale e sabato:
9; 18.30
Festivo:
7.30,  9.30,  11.30,  18.00

Prenotazione intenzioni messe:
in sagrestia,
prima e dopo le messe feriali e festive

Ufficio parrocchiale
dietro la canonica:
Aperto: lunedì e sabato, ore 9.30-11.30

Orario Catechismo
Casa Saretta:
ore 14.45-16.00
Lunedì: 1 e 2 media
Mercoledì: 2 e 3 elem.
Venerdì: 4 e 5 elem.
Sabato: classi tempo pieno

Attività ACR
Casa Saretta, sabato pomeriggio

Centro di ascolto Caritas
Casa Saretta, pianterreno
martedì 9.30-11.30
mercoledì 18.00-19.30
tel. 348.2962235

Centro Aiuto alla Vita
Casa Saretta, pianterreno
martedì e giovedì
ore  17.00 – 18.00
tel. 0421.52943

Emporio Solidale
per situazioni di povertà economica e disagio,
in Via Molina, 25 
martedì e giovedì 15.00-17.00
sabato 10.00 - 12.00
Contatti: 0421332697 - 042150767 339.2966898 - 333.2708600

Copyright © 2017 Parrocchia di S. Maria delle Grazie - Duomo di San Donà di Piave. Tutti i diritti riservati. Note legali.
Joomla è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Il sito parrocchiale si appoggia ai servizi gratuiti offerti da NETSONS:
NON HA IL CONTROLLO SULLA PUBBLICITA' INSERITA DA QUESTI NELLE PAGINE, NON NE E' RESPONSABILE, NON NE RICAVA UTILI E NEPPURE PROMUOVE O CONDIVIDE IL MESSAGGIO PUBBLICIZZATO.
Amministrazione