Home Associazioni Gruppo Missionario Festeggiato p. Guglielmo Teker per il suo 40° di ordinazione sacerdotale

Download


Orario delle messe nel Duomo

Orario delle messe nelle chiese sandonatesi


Adorazione eucaristica in città

Liturgia del giorno


Indice della sezione

youtube

Translate

Festeggiato p. Guglielmo Teker per il suo 40° di ordinazione sacerdotale PDF Stampa E-mail Visite: 1929
Gruppo Missionario
Martedì 18 Febbraio 2014 23:26
carattereaumentadiminuisci
P. Willy (Guglielmo) TekerLo scorso agosto in Cile, dove vive dal 1969, p. Guglielmo Teker (originario di San Donà di Piave) ha festeggiato i suoi 40 anni di sacerdozio. Partito per l'Ecuador nel 1965, ancora giovane studente salesiano, ha poi completato gli studi ed è stato ordinato sacerdote a Santiago del Cile nel 1973.
In occasione dello scorso Natale ha inviato un biglietto al Gruppo Missionario "P. Sergio Sorgon" a ricordo dell'evento: "Carissimi... Vi ringrazio tanto delle vostre preghiere e del vostro generoso aiuto che è molto importante per la mia azione missionaria. Quest'anno ho compiuto 40 anni di sacerdozio missionario in Cile!"
Riportiamo di seguito un articolo tratto dalla cronaca della Scuola Agricola Salesiana di Catemu, dove p. Guglielmo (Willy) opera da più di 25 anni.

Catemu, domenica 18 agosto 2013

La presenza salesiana di Catemu nei suo diversi fronti di animazione si è vestita a festa questo venerdì 16 agosto, giorno di nascita di San Giovanni Bosco, per celebrare il 40° anniversario di ordinazione sacerdotale di p. Guglielmo Teker Botter, salesiano che vive in questa comunità da più di 25 anni, prestando il suo servizio di accompagnamento, animazione e ministero sacerdotale.
Ha presieduto la celebrazione lo stesso p. Guglielmo. Hanno concelebrato il Superiore Salesiano in Cile, p. Alberto Lorenzelli, il Direttore dell'opera, p. José Miguel Prieto e i Salesiani di questa comunità. Tra i presenti c'era il sindaco di Catemu, il sig. Boris Luksic Nieto, le religiose Figlie di Maria Ausiliatrice di Los Andes, i Cooperatori Salesiani, rappresentanti delle varie comunità cristiane della Parrocchia e i vari gruppi della Famiglia Salesiana di Catemu.

Tra i diversi segni e momenti che si sono vissuti, dei giovani hanno portato a p. Guglielmo la stola e gliela hanno posta sulle spalle, per ricordargli il mistero della croce di Cristo, visto che ogni sacerdote sa che si associa alla Croce e che deve abbracciarla con forza nei momenti di trionfo e in quelli di apparente fallimento.
Inoltre si sono portati all'altare dei sandali e un camice, simboli della generosità e servizio, che p. Guglielmo ha mostrato nella sua dedizione missionaria in mezzo ai giovani ed alle tante persone che accompagna.

Nella sua omelia p. Guglielmo ha condiviso una piccola riflessione sul suo motto sacerdotale: "Ai piedi della croce stava la Madre e il Discepolo", tratto dal Vangelo di Giovanni, evidenziando che "Maria è la madre dal cuore vigilante, pieno di misericordia. Maria si mostrò così a Cana, ai piedi della Croce e tra di noi. È la Madre dal Cuore buono".
Tuttavia – continua p. Guglielmo – "io preferisco restare nella posizione del discepolo amato, che rappresenta tutti noi, voglio rimanere al fianco di Gesù sino alla fine della mia vita... per sempre."
Un segno molto emozionante si è vissuto al culmine della celebrazione, quando p. Guglielmo ha dato la benedizione di Dio ad ogni allievo, gesto che compie quotidianamente con gli allievi interni prima che questi si ritirino per il riposo notturno.

Biografia di p. Guglielmo Teker

P. Guglielmo è nato nella provincia di Venezia in Italia, il 3 gennaio 1945. Figlio di Stefano e Luisa, è il maggiore di otto fratelli. È entrato in Seminario ad 11 anni, a Torino, dove ha emesso i suoi primi voti come Salesiano Religioso il 16 agosto 1961.
"È qui che compie il suo sogno che ha avuto sino dalla terza media, seguire Gesù e Don Bosco, come Salesiano Sacerdote e Missionario", come egli stesso commentò in un'intervista rilasciata ad un gruppo di allievi alcuni anni fa.
Prende l'impegno di rimanere disponibile per realizzare il lavoro di Don Bosco dove necessita; per questo lascia la sua cara Italia ed è inviato a servire come Missionario nella nostra America, ancora da seminarista.
Nel 1965 arriva in Ecuador, dove lavora nella selva tra gli indios Shuar.
Dopo quattro anni arriva in nave nel nostro Paese al porto di Arica (1969), per trasferirsi a Santiago, al Seminario Salesiano di Los Cañas, per formarsi come futuro Sacerdote.
Viene ordinato sacerdote da Monsignor Sotero Sanz il 15 agosto 1973, a Santiago. Gran parte del suo ministero sacerdotale lo ha vissuto a Santiago nelle case salesiane de La Cisterna, Oratorio Don Bosco, San Ramón, Salesianos Macul ed anche nell'Opera salesiana a Iquique.
Da 25 anni poi è presente a Catemu, accompagnando gli allievi, in modo speciale con la sua presenza nella biblioteca.

(Libera traduzione a cura di Marco Franzoi dall'articolo "Comunicaciones Escuela Agrícola Salesiana Catemu" del 18/08/2013)
 
 

Vite da raccontare

Storia e Persone - Vite da raccontare
Un monaco, un poeta, un mistico del '900
Domenica 19 Febbraio 2012

Don Divo Barsotti in questi giorni di febbraio viene particolarmente ricordato: è morto il 15 febbraio 2006.

Vibrazioni altamente spirituali scaturiscono dai suoi scritti.

La sua precipua dimensione spirituale di uomo di Dio si può focalizzare con una frase: precursore, promotore del monachesimo interiorizzato nell'era moderna e post moderna: l'uomo che abita fuori dal monastero di pietra, che cerca Dio, continuamente cerca Dio pur vivendo nel mondo, ma, non essendo del mondo, vive la spiritualità del monaco nella propria interiorità.

D. Divo Barsotti monaco è fondatore della Comunità dei Figli di Dio. Al motto "Cosa cerchi?" "Cerco Dio solo" viene a rispondere il neo monaco, cercatore indefesso di Dio.

Dopo il diciottesimo anno di età, uomo, donna, coniugati, celibi, nubili, vedovi, accedono all'essere monaco: Monachesimo interiorizzato, cui la persona di ...continua

Storia e Persone - Vite da raccontare
Tutta la vita è un dono: ricordando don Valerio Caramaschi sdb
Lunedì 03 Agosto 2015
Sono trascorsi 20 anni dal ritorno alla Casa del Padre del giovane sacerdote salesiano sandonatese don Valerio Caramaschi, cresciuto nei gruppi oratoriani dell'Azione Cattolica e di Comunione e Liberazione.
Egli morì nell'ospedale di Castelfranco Veneto, dopo alcuni mesi di ricovero, il giorno della festa del Santo Curato D'ars, Patrono dei Sacerdoti, il 4 agosto 1995, a 33 anni di età "il giorno in cui il Signore lo trovò già pronto per prenderlo con Sè".

Una Messa di suffragio viene celebrata nella chiesa dell'Oratorio martedì 4 agosto, alle ore 18.30.

Ricordiamo di seguito alcuni tratti della sua breve ed intensa vita.

Don Valerio Caramaschi, una breve biografia

Valerio Caramaschi nasce a Caorle il 16 marzo 1962 da mamma Malvina e papà Angelo.
La mammà confidò che per la grande felicità, per ringraziare ...continua
Storia e Persone - Vite da raccontare
Federico Schiavon, salesiano sandonatese, prete zingaro tra le baracche dei Rom
Venerdì 23 Gennaio 2009
don Federico Schiavon, salesiano, 52 anni, veneto di San Donà di Piave...
La sua roulotte la identifichi subito dall'enorme bandiera del Tibet piantata lì vicino. Per il resto la sua "casa" è assolutamente simile alle altre. Unico indizio: una piccola croce gialla a fianco alla porta, ma poca cosa rispetto alle decine di statuette della Madonna e di Padre Pio che fanno da poveri capitelli tra caravan e caravan.
«Siamo degli ospiti qui dentro, perciò bisogna entrare con discrezione, senza pensare di avere la verità in tasca, e giudicare o voler cambiare loro la vita. Se entri con questo spirito, senza arroganza poi, forse, riesci a rimanerci», premette subito don Federico, per farci capire che i "gagi" (che nella cultura rom vuol dire i "non zingari") qui sono bene accolti, basta ovviamente che non pretendano di comandare in casa altrui. Via Monte Sei Busi numero 11: ...continua

Orari

Orario Messe
Feriale e sabato:
9; 18.30
Festivo:
7.30,  9.30,  11.30,  18.00

Prenotazione intenzioni messe:
in sagrestia,
prima e dopo le messe feriali e festive

Ufficio parrocchiale
dietro la canonica:
Aperto: lunedì e sabato, ore 9.30-11.30

Orario Catechismo
Casa Saretta:
ore 14.45-16.00
Lunedì: 1 e 2 media
Mercoledì: 2 e 3 elem.
Venerdì: 4 e 5 elem.
Sabato: classi tempo pieno

Attività ACR
Casa Saretta, sabato pomeriggio

Centro di ascolto Caritas
Casa Saretta, pianterreno
martedì 9.30-11.30
mercoledì 18.00-19.30
tel. 348.2962235

Centro Aiuto alla Vita
Casa Saretta, pianterreno
martedì e giovedì
ore  17.00 – 18.00
tel. 0421.52943

Emporio Solidale
per situazioni di povertà economica e disagio,
in Via Molina, 25 
martedì e giovedì 15.00-17.00
sabato 10.00 - 12.00
Contatti: 0421332697 - 042150767 339.2966898 - 333.2708600

Copyright © 2017 Parrocchia di S. Maria delle Grazie - Duomo di San Donà di Piave. Tutti i diritti riservati. Note legali.
Joomla è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Il sito parrocchiale si appoggia ai servizi gratuiti offerti da NETSONS:
NON HA IL CONTROLLO SULLA PUBBLICITA' INSERITA DA QUESTI NELLE PAGINE, NON NE E' RESPONSABILE, NON NE RICAVA UTILI E NEPPURE PROMUOVE O CONDIVIDE IL MESSAGGIO PUBBLICIZZATO.
Amministrazione