Home Associazioni Gruppo Missionario Incontro diocesano dei gruppi missionari

Download


Orario delle messe nel Duomo

Orario delle messe nelle chiese sandonatesi


Adorazione eucaristica in città

Liturgia del giorno


Indice della sezione

youtube

Translate

Incontro diocesano dei gruppi missionari PDF Stampa E-mail Visite: 1533
Gruppo Missionario
Sabato 27 Settembre 2014 19:00
carattereaumentadiminuisci

LocandinaPeriferie - Incontro diocesano gruppi missionariI gruppi missionari della diocesi si sono dati appuntamento a San Donà presso la parrocchia di S.Giuseppe Lavoratore per iniziare l'anno pastorale. 

Ha coordinato l'incontro il direttore dell'Ufficio missionario diocesano don Silvano Perissinotto che ha presentato il video "Periferie, cuore della Missione"  a disposizione di tutti i gruppi missionari per la loro formazione.

Sono state presentate le testimonianze di P. Gabriele Durigon e di Suor Fernanda Pellizzer, missionari da lungo tempo in Uganda.

P. Gabriele Durigon


Per ascoltare l'intervento di P. Gabriele Durigon, clicca qui.




Periferie-Sr. Fernanda Pellizzer

Per ascoltare l'intervento di Sr. Fernanda Pellizzer, clicca qui.




Tra il materiale affidato agli intervenuti, la lettera di don Giulio Zanotto, sacerdote fidei donum in Ciad:

Mese missionario: "Ad gentes" con generosità e coraggio
  
Una Chiesa che "rinuncia" alla missione ad gentes può dirsi ancora Chiesa di Gesù? Risponde ancora all'appello del Cristo risorto di andare fino ai confini della terra? Risponde ancora allo Spirito che chiede di mettere da parte qualcuno per partire verso i pagani?
La Chiesa di Treviso è ancora sensibile a questa vocazione essenziale: un nuovo sacerdotefidei donum si prepara a partire. Ma qual è il terreno oggi in cui nascono queste vocazioni? I preti sentono con urgenza il bisogno di partire o di inviare qualcuno? I laici sentono il bisogno oggi di portare Gesù, il vangelo a chi non lo conosce, ad altre culture? E' facile sentir dire: c'è tanto bisogno qui, non ci sono preti ... oppure apprezzare il valore di una missione umanitaria ma non necessariamente evangelica. Oggi la Chiesa di Treviso, i suoi preti e i suoi laici, di chi è chiamata a farsi prossimo?
È vero, la missione ad gentes è una missione a "caro prezzo". "Caro prezzo" perché costa ad una diocesi, che non ha più i preti di una volta, inviare preti, giovani, in missione quando ci sono parrocchie che restano "scoperte". "Caro prezzo" perché i luoghi di missione spesso non sono luoghi di villeggiatura, le notizie che ci giungono sono quasi esclusivamente negative: conflitti, fondamentalismo, malattie, povertà di tutte le nature... qualcuno sarebbe tentato di chiedersi se ne vale la pena...
"Caro prezzo" soprattutto perché Gesù ha voluto salvarci incarnandosi (uscendo dal tesoro delle sue divinità) e scegliendo l'ultimo posto. perché ha dato la sua vita non per pochi ma per la moltitudine, perché ha voluto morire fuori dalle mura della città.
Purtroppo qualcuno ha pensato che la "nuova evangelizzazione" sostituisse la missione ad gentes. "La missione oggi è anche in Italia", perché dunque mandare preti lontano? Ogni generazione, ogni persona ha bisogno di essere evangelizzata, oggi come una volta. Di fatto non esiste in senso stretto una "tradizione cristiana", ma ognuno deve rispondere personalmente all'appello di Gesù. I cristiani si fanno uno ad uno ed ogni volta da capo. La missione ad gentes è una qualità essenziale-vitale della Chiesa e può, casomai, attirare l'attenzione nei paradigmi fondamentali dell'evangelizzazione (prima. o nuova, o permanente).
  
Quale conoscenza c'è nelle nostre antiche Chiese della "geografia del vangelo?".' I cristiani preti in particolare, sanno che ci sono ancora oggi, anno del Signore 2014, molte persone che non hanno mai sentito parlare di Gesù, che non hanno mai potuto ascoltare la Parola di Dio ? I cristiani dei nostri paesi sanno quanta gente ha sete di Dio, della presenza di testimoni cristiani che li aiutino a incontrare Dio? Spesso questa sete è nascosta in fondo al cuore e appena una presenza cristiana si avvicina con amore, questa sete prende forma e soprattutto trova Acqua Viva. Anche in terra d'Islam. Un ruolo importante nella missione ad gentes ce l'hanno i laici. Lo diceva già un secolo fa Charles de Foucauld per i suoi tuareg nel sud dell'Algeria. Me lo ripeteva qualche settimana fa Jacqueline Tchaw, la direttrice della scuola cattolica di Tivouavane, la città santa della confraternita musulmana Tidjania, in Senegal. Laici che vivono tra la gente testimoniando il vangelo con la propria vita attraverso il lavoro, la vita in famiglia, le relazioni di vicinato. Ci sono luoghi - geografici e di vita - nei quali preti e suore difficilmente possono entrare, mentre i laici hanno "libero accesso" e sono, spesso, ben accolti.
  
Due qualità mi sembrano più che mai necessarie oggi per la Chiesa nel suo insieme e per i cristiani in particolare: la generosità e il coraggio. Papa Francesco ne ha parlato a lungo nella sua Evangeli Gaudium. Anche gli scout li hanno scelti come "valori guida" nella loro Route nazionale. La generosità va al di là dei calcoli perché sa che il Dono è più grande della nostra organizzazione e del nostro "benessere" (materiale, psicologico, spirituale) personale. Il coraggio è la "misura" del nostro fidarsi di Gesù, è la speranza che nutre il nostro cuore.

don Giulio Zanotto, sacerdote fidei donum in Ciad


 
 

Vite da raccontare

Storia e Persone - Vite da raccontare
Mons. Oscar A. Romero Beato
Sabato 23 Maggio 2015
Il 23 maggio 2015, vigilia di Pentecoste, è stato beatificato a El Salvador il Vescovo Oscar Arnulfo Romero, ucciso sull'altare da un sicario ingaggiato dai militari al governo il 24 marzo 1980, al termine dell'omelia.
Il Vescovo martire già da tempo viene invocato come "San Romero de America".
Ricordiamo questo nuovo Beato riportando le sue parole in diverse occasioni nei tre (ultimi) anni di arcivescovo di San Salvador.

"Mai abbiamo predicato la violenza. Solo la violenza dell'amore, quella che lasciò Cristo inchiodato su una croce, quella che ognuno fa a se stesso per vincere i suoi egoismi e perché non vi siano disuguaglianze tanto crudeli fra noi.
Tale violenza non è quella della spada, quella dell'odio. È la violenza dell'amore, quella della fratellanza, quella che vuole trasformare le armi in ...continua
Storia e Persone - Vite da raccontare
Un monaco, un poeta, un mistico del '900
Domenica 19 Febbraio 2012

Don Divo Barsotti in questi giorni di febbraio viene particolarmente ricordato: è morto il 15 febbraio 2006.

Vibrazioni altamente spirituali scaturiscono dai suoi scritti.

La sua precipua dimensione spirituale di uomo di Dio si può focalizzare con una frase: precursore, promotore del monachesimo interiorizzato nell'era moderna e post moderna: l'uomo che abita fuori dal monastero di pietra, che cerca Dio, continuamente cerca Dio pur vivendo nel mondo, ma, non essendo del mondo, vive la spiritualità del monaco nella propria interiorità.

D. Divo Barsotti monaco è fondatore della Comunità dei Figli di Dio. Al motto "Cosa cerchi?" "Cerco Dio solo" viene a rispondere il neo monaco, cercatore indefesso di Dio.

Dopo il diciottesimo anno di età, uomo, donna, coniugati, celibi, nubili, vedovi, accedono all'essere monaco: Monachesimo interiorizzato, cui la persona di ...continua

Storia e Persone - Vite da raccontare
San Francesco d'Assisi
Venerdì 04 Ottobre 2013
Nella Festa di San Francesco, Papa Bergoglio visita per la prima volta Assisi.
Francesco nacque ad Assisi nel 1181. Suo padre era il commerciante di tessuti Pietro Bernardone. Da ragazzo, allegro e malinconico, si abbandonava volentieri a sogni cavallereschi. Partecipò anche alla guerra tra Assisi e Perugia, che gli costò un anno di prigionia pieno di ripensamenti.
La luce gli venne da un ardente incontro con Cristo. Dapprima Francesco lo "riconobbe" quando riuscì a superare l'orrore che provava per i lebbrosi, al punto da abbracciarne e baciarne uno per amore Suo. In seguito, ne udì la voce mentre pregava nella chiesetta diroccata di San Damiano: "Francesco, ricostruisci la mia casa".
Si mise così a ricostruire quella chiesetta semidistrutta, vendendo anche della merce presa alla bottega del padre. Quando costui pretese la restituzione delle sue ...continua

Orari

Orario Messe
Feriale e sabato:
9; 18.30
Festivo:
7.30,  9.30,  11.30,  18.00

Prenotazione intenzioni messe:
in sagrestia,
prima e dopo le messe feriali e festive

Ufficio parrocchiale
dietro la canonica:
Aperto: lunedì e sabato, ore 9.30-11.30

Orario Catechismo
Casa Saretta:
ore 14.45-16.00
Lunedì: 1 e 2 media
Mercoledì: 2 e 3 elem.
Venerdì: 4 e 5 elem.
Sabato: classi tempo pieno

Attività ACR
Casa Saretta, sabato pomeriggio

Centro di ascolto Caritas
Casa Saretta, pianterreno
martedì 9.30-11.30
mercoledì 18.00-19.30
tel. 348.2962235

Centro Aiuto alla Vita
Casa Saretta, pianterreno
martedì e giovedì
ore  17.00 – 18.00
tel. 0421.52943

Emporio Solidale
per situazioni di povertà economica e disagio,
in Via Molina, 25 
martedì e giovedì 15.00-17.00
sabato 10.00 - 12.00
Contatti: 0421332697 - 042150767 339.2966898 - 333.2708600

Copyright © 2017 Parrocchia di S. Maria delle Grazie - Duomo di San Donà di Piave. Tutti i diritti riservati. Note legali.
Joomla è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Il sito parrocchiale si appoggia ai servizi gratuiti offerti da NETSONS:
NON HA IL CONTROLLO SULLA PUBBLICITA' INSERITA DA QUESTI NELLE PAGINE, NON NE E' RESPONSABILE, NON NE RICAVA UTILI E NEPPURE PROMUOVE O CONDIVIDE IL MESSAGGIO PUBBLICIZZATO.
Amministrazione