Home In evidenza Approfondimenti Mostra a Illegio: L'Ultima Creatura

Translate

Mostra a Illegio: L'Ultima Creatura PDF Stampa E-mail Visite: 685
In evidenza - Approfondimenti
Venerdì 14 Agosto 2015 07:15
carattereaumentadiminuisci
Mostra a IllegioL'Ultima Creatura. L'Idea Divina del Femminile
 
Casa delle Esposizioni
Tel. 0433 44445 / 0433 2054.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.illegio.it


La mostra è aperta dal 17 maggio al 4 ottobre 2015
Orari: da Martedì a Sabato dalle 10.00 alle 19.00  - Domenica e Festivi dalle 9.30 alle 19.30

LE DONNE DI DIO

Alcune donne emergono dalla storia biblica: Eva, Sara, Rebecca, Rachele, Tamar, Miriam, Debora, Giaele, Dalila, Betsabea, Ruth, Ester, Giuditta. Confondono gli uomini, avvincono Dio, sono piene di una grazia che in esse diventa forza di combattimento, virtù indomabile. Nel percorso da Eva a Maria, le donne non vacillano mai. Le Scritture e le arti rendono omaggio alla loro bellezza, che esse portano senza vanto, concentrate su una missione da perseguire, a tracciare una via per la quale Dio stesso dovrà incamminarsi se vorrà arrivare a noi.

Nell'Antico Testamento troviamo storie di donne che vollero con tutte le loro forze la benedizione di quel Dio che aveva parlato ad Abramo e ai suoi discendenti, e che tanto fecero finché un frutto del loro grembo ereditò la promessa celeste. Storie di donne che hanno irretito con scaltrezza i più temibili nemici di Israele, vincendoli, ma prima ancora sfidando il loro stesso popolo a non lasciarsi atterrire nel momento della prova. Storie di donne che non hanno avuto il beneficio di visioni soprannaturali o di voci celesti, ma che avevano uno sguardo così spirituale sulla realtà e una virtù così allenata a resistere nella prova, da prefigurare per un motivo o per l'altro la donna attesa e preparata dallo Spirito di Dio per l'avvento del Salvatore: Maria.

Eppure queste madri della madre del Messia sconcertano per le loro vicende talvolta spregiudicate. Nella stessa genealogia di Cristo, come la riporta nella sua prima pagina il Vangelo secondo Matteo, ci si imbatte in quattro figure femminili dell'Antico Testamento, che innegabilmente costituiscono veri e propri scandali. La prima di esse, Tamar, straniera, si vestì da prostituta per offrirsi all'uomo desiderato, che era suo suocero. La seconda, Rahab, straniera anch'essa, era prostituta di mestiere e tradì il suo popolo per unirsi a Israele. La terza, Ruth, moabita, puntò decisamente su un ricco vedovo fino a riuscire a farsi sposare. La quarta, Betsabea, moglie di un soldato hittita che combatteva valorosamente per Israele, fu adultera e tradì il marito che venne fatto uccidere dal suo amante, il re Davide. Pare quasi che il testo biblico riveli la pazienza e la tenacia di Dio, pronto a passare attraverso storie di questo genere; il suo amore geniale riceve spesso dagli uomini qualcosa di cattivo, ma sa volgerlo sorprendentemente in bene.

 
Copyright © 2017 Parrocchia di S. Maria delle Grazie - Duomo di San Donà di Piave. Tutti i diritti riservati. Note legali.
Joomla è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Il sito parrocchiale si appoggia ai servizi gratuiti offerti da NETSONS:
NON HA IL CONTROLLO SULLA PUBBLICITA' INSERITA DA QUESTI NELLE PAGINE, NON NE E' RESPONSABILE, NON NE RICAVA UTILI E NEPPURE PROMUOVE O CONDIVIDE IL MESSAGGIO PUBBLICIZZATO.
Amministrazione