Home Associazioni Gruppo Missionario P. Bruno Zamberlan: "Progetto Scuola orientamento professionale a Hwange" (parte seconda)

Download


Orario delle messe nel Duomo

Orario delle messe nelle chiese sandonatesi


Adorazione eucaristica in città

Liturgia del giorno


Indice della sezione

youtube

Translate

P. Bruno Zamberlan: "Progetto Scuola orientamento professionale a Hwange" (parte seconda) PDF Stampa E-mail Visite: 1083
Gruppo Missionario
Lunedì 17 Agosto 2015 16:04
carattereaumentadiminuisci
P. Bruno Zamberlan illustra il Progetto "Scuola Professionale ad Hwange" al Gruppo MissionarioP. Bruno Zamberlan, salesiano originario di Fiorentina, dal 2013 è ritornato ad operare ad Hwange, missione nello stato africano dello Zimbabwe, vicino alle Cascate Vittoria. Ora si trova in Italia, sino al 6 settembre prossimo.

Riportiamo di seguito alcune altre notizie su di lui e sul progetto "Scuola orientamento professionale".

Il progetto "Scuola orientamento professionale di Hwange – Zimbabwe"
L'ingresso della scuola e centro giovanile salesiano di Hwange (Zimbabwe)Quest'opera salesiana presso la città di Hwange (Zimbabwe) è volta ai giovani locali senza possibilità, perché orfani, ai margini, con AIDS..., in modo da offrire loro un futuro.
Sono previsti aule, laboratori e gli alloggi per 150 ragazzi e 150 ragazze. Vi sono anche la casa per la comunità salesiana, il centro giovanile, gli alloggi per insegnanti e volontari (questi ancora da costruire).

Un'area sarà destinata poi ad orto, che sarà coltivato dai ragazzi, in modo da ridurre i costi di mantenimento.
Il Progetto è approvato dal Vescovo (uno spagnolo) e dal clero locale.
Sono previsti diversi corsi superiori, in modo da offrire maggiori possibilità agli allievi: elettricità, falegnameria, informatica, cucito, turismo, corsi brevi per saldatori... sino ad architettura.
Si tratta di una scuola professionale cui accedono giovani di 15 anni che hanno già conseguito un biennio di scuola superiore (simile al nostro liceo).

La planimetria della Scuola ProfessionaleLa scuola completata sarà distribuita su 29 ettari di terreno donati dal governo lungo la Bulawayo Road (al km 327), la strada che conduce alle Cascate Vittoria, ai confini con lo Zambia e il Botswana.
Le strutture del nuovo centro salesiano sono solo in parte già costruite. Ora mancano i finanziamenti per portarle a termine.

Nel territorio di quest'opera educativa vive la tribù dei Matebeleland, i discendenti degli Zulu, abbandonata dallo stato. Molti ragazzi sono orfani a causa dell'HIV.
Nonostante la carenza di sacerdoti, esistono molti catechisti e gruppi di preghiera. Durante le Eucarestie si parlano ben 7 lingue. In Zimbabwe i cattolici sono il 7% della popolazione.


Un po' di biografia di p. Bruno Zamberlan

Il salesiano p. Bruno Zamberlan, originario di Fiorentina, partì che era ancora studente (1964) per le missioni del Sudamerica.
Rientrò in Italia per l'Ordinazione Sacerdotale, avvenuta nel 1971 nella chiesa dell'Oratorio Don Bosco, per mano di mons. Giuseppe Cognata. In questa stessa chiesa aveva ricevuto la veste di novizio (1959) assieme ad Antonio Cibin, salesiano missionario in Brasile, anch'egli nostro concittadino.
Ha speso in Sud America 29 anni (tra Uruguay, Argentina...), impegnato nella pastorale giovanile durante i duri anni della dittatura.
Nei primi anni '80 il Rettor Maggiore don Egidio Viganò (già suo insegnante) gli chiese di avviare la prima opera salesiana in Africa, ma i suoi superiori locali insistettero perché rimanesse in Sud America.
Solo nel 1995 don Bruno poté seguire quella "lontana" richiesta, partendo per lo Zimbabwe.

Da allora si trova nell'Africa Centro-Sud assumendo vari incarichi, tra cui quello di avviare e gestire oratori "sul tipo di quello di San Donà, ai tempi di don Moretti...", nonché case di accoglienza per ragazzi abbandonati.
Per tre anni ha svolto anche un incarico di vice-Ispettore, curando le vocazioni del Centro Africa. Chiese in seguito di essere liberato da quell'incarico che comportava di percorrere anche sino a 7000 km la settimana.

Nel 2005 è stato destinato allo Zambia come animatore dell'ispettoria salesiana nel campo della formazione dei futuri sacerdoti. Successivamente è stato in Tanzania come membro dello staff dell'istituto di filosofia ed educazione di lingua inglese.
Dopo un periodo forzato in Namibia (in quanto gli fu negato il permesso di rientro in Zimbabwe), lavorando con la tribù dei boshimani, nell'ottobre 2013 è ritornato alla missione di Hwange (Zimbabwe), vicino alle cascate Vittoria dove è direttore dell'opera salesiana e parroco; lì sta seguendo il progetto "Scuola professionale".

P. Zamberlan assieme al gruppo Missionario "P. Sergio Sorgon"P. Bruno ha confidato in un recente incontro con il Gruppo Missionario "P. Sergio Sorgon" che nei 30 anni in America Latina ha lavorato per far capire alla gente di vivere per costruire il Regno di Dio; nei 20 anni in Africa ha imparato che Dio c'è già in ciascuno di noi: il nostro dovere è scoprire le sue tracce in ciascuno di noi.

Don Zamberlan considera questa scuola professionale una missione spirituale, anche se inserita in un progetto materiale.
Egli ha chiesto al suo Vescovo di pregare per la riuscita ed affronta con tranquillità e pace le pur notevoli difficoltà che ci sono, poiché è un'opera che dipende da Dio.

A cura di Marco Franzoi

 
 

Vite da raccontare

Storia e Persone - Vite da raccontare
Mistrorigo: il ricordo del vescovo Gardin
Venerdì 20 Gennaio 2012

Carissimi sacerdoti e fedeli, eravamo tutti in attesa di festeggiare i 100 anni di mons. Antonio Mistrorigo, il prossimo 26 marzo, ma il Signore ha disposto diversamente. La notizia della sua morte mi ha raggiunto in Cile, mentre stavo vivendo alcuni giorni di fraternità e condivisione con i nostri missionari fidei donum in America Latina, e il pensiero è andato subito, con profonda gratitudine, ai suoi lunghi e fecondi anni di episcopato a Treviso.

Il suo servizio di vescovo di questa chiesa, dal 1958 al 1988, è legato al tempo del concilio Vaticano II e del dopo concilio: tempo straordinariamente ricco e vivace ma anche, per alcuni aspetti, laborioso e complesso. Un tempo che richiedeva la guida di un pastore illuminato e fedele allo spirito, non solo alla lettera, del grande evento conciliare.

Il vescovo Antonio è stato davvero ...continua

Storia e Persone - Vite da raccontare
Una beata missionaria tra gli Shuar: suor Maria Troncatti
Sabato 24 Novembre 2012
Il 24 novembre a Sucua, missione dell'Oriente ecuadoreño viene proclamata beata sr. Maria Troncatti, Figlia di Maria Ausiliatrice di origini bresciane, che ha speso la maggior parte della sua vita religiosa quale missionaria nell'Oriente dell'Ecuador, tra la popolazione Shuar.
La ricordiamo in modo particolare perché alcuni dei missionari sandonatesi l'hanno conosciuta.
Si tratta di p. Siro Pellizzaro e p. Giancarlo Zanutto, che operano dagli Shuar sin dal loro primo arrivo in Ecuador. Conobbero suor Troncatti anche i due fratelli Teker, p. Guglielmo (Willy) e p. Sergio: l'incontrarono nella loro prima esperienza missionaria in Ecuador, ancora studenti, prima dell'attuale loro attività pastorale in Cile.
Proprio p. Sergio nel suo libro di ricordi missionari "Il coraggio di donarsi" ricorda la suora salesiana nel capitolo che riportiamo di seguito.

Storia e Persone - Vite da raccontare
Eleonora Simonato
Martedì 25 Maggio 2010
La comunità parrocchiale del Duomo di San Donà di Piave è in festa...ma forse non lo sa!
Non sono in molti infatti a conoscere Eleonora Simonato, giovane trentenne che domenica 9 maggio scorso ha profuso la professione religiosa perpetua come carmelitana nel monastero del Sacro Cuore di Torino, alla presenza del cardinale Mons. Poletto (originario di Salgareda).

La sua è una storia vissuta, e possiamo dire contrassegnata, dal "nascondimento".
Nei suoi anni di adolescente ha partecipato agli scout, ed è sempre stata vicina alla vita della comunità parrocchiale, continuando nella sua formazione religiosa.
La frequentazione di Venezia per motivi di studio, l'ha avvicinata ad alcune esperienze di vita consacrata, tra cui quella della vita monastica delle carmelitane scalze.
Il desiderio di approfondire quella che era la sua vocazione, la chiamata che il Signore aveva pensato per lei, l'ha portata a conoscere ...continua

Orari

Orario Messe
Feriale e sabato:
9; 18.30
Festivo:
7.30,  9.30,  11.30,  18.00

Prenotazione intenzioni messe:
in sagrestia,
prima e dopo le messe feriali e festive

Ufficio parrocchiale
dietro la canonica:
Aperto: lunedì e sabato, ore 9.30-11.30

Orario Catechismo
Casa Saretta:
ore 14.45-16.00
Lunedì: 1 e 2 media
Mercoledì: 2 e 3 elem.
Venerdì: 4 e 5 elem.
Sabato: classi tempo pieno

Attività ACR
Casa Saretta, sabato pomeriggio

Centro di ascolto Caritas
Casa Saretta, pianterreno
martedì 9.30-11.30
mercoledì 18.00-19.30
tel. 348.2962235

Centro Aiuto alla Vita
Casa Saretta, pianterreno
martedì e giovedì
ore  17.00 – 18.00
tel. 0421.52943

Emporio Solidale
per situazioni di povertà economica e disagio,
in Via Molina, 25 
martedì e giovedì 15.00-17.00
sabato 10.00 - 12.00
Contatti: 0421332697 - 042150767 339.2966898 - 333.2708600

Copyright © 2017 Parrocchia di S. Maria delle Grazie - Duomo di San Donà di Piave. Tutti i diritti riservati. Note legali.
Joomla è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Il sito parrocchiale si appoggia ai servizi gratuiti offerti da NETSONS:
NON HA IL CONTROLLO SULLA PUBBLICITA' INSERITA DA QUESTI NELLE PAGINE, NON NE E' RESPONSABILE, NON NE RICAVA UTILI E NEPPURE PROMUOVE O CONDIVIDE IL MESSAGGIO PUBBLICIZZATO.
Amministrazione