Home Associazioni Gruppo Missionario I nostri missionari ci scrivono

Download


Orario delle messe nel Duomo

Orario delle messe nelle chiese sandonatesi


Adorazione eucaristica in città

Liturgia del giorno


Indice della sezione

youtube

Translate

I nostri missionari ci scrivono PDF Stampa E-mail Visite: 1840
Gruppo Missionario
Martedì 02 Settembre 2008 09:43
carattereaumentadiminuisci
Riportiamo qualche breve stralcio di scritti che i missionari sandonatesi hanno spedito negli ultimi mesi: sono un’occasione per sentirli più vicini e quindi ricordarsi di loro…

Don Ugo Montagner (Loreto – BRASILE)
La mia missione consiste nell’assistenza religiosa e umana a più di diecimila persone, di cui metà sparse in molti villaggi nella boscaglia.Noi missionari facciamo quello che possiamo e possiamo fare sempre qualcosa dibene in questi luoghi se qualcuno ci aiuta (…)
Chi soffre è sempre il povero che non ha i mezzi necessari per difendersi o per agire, perché lontano dalle cose più necessarie come l’energia, l’acqua, telefono e tutto a piedi o a cavallo di un asinello o mulo. Aiuto circa 150 famiglie attraverso le adozioni a distanza, aiuto che mi viene da molte famiglie, specialmente dalla mia città natale, San Donà di Piave e dalla mia diocesi italiana, Siena.

Fr. Paolo Rizzetto (Kampala - UGANDA)
Carissimi, queste poche righe vogliono essere solo un segno della vicinanza e dell’affetto che ci lega. Un modo per condividere anche con chi è lontano le impressioni ed i sentimenti di fronte a questa esperienza di “vita condivisa” con la nostra gente Karimojong…
Visitando qualche bambino o qualche adulto mi trovo spesso a giudicare chiedendomi perché uno non dovrebbe avere più cura di se stesso e della sua persona, curando di più quell’igiene personale che eviterebbe facilmente molte delle malattie che vediamo. Poi mi guardo un po’ intorno, guardo il paesaggio secco ed immagino che molti devono fare un lungo tragitto per raggiungere il pozzo più vicino, ore sotto il sole, ed altre ore ad aspettare che la fila si diradi.
Dimentico spesso che sotto quella polvere che ricopre i volti c’è la fiamma della presenza di Dio.
Quest’anno è un anno speciale per il Karamoja. Ricorre il 75° anniversario della prima evangelizzazione della regione. Lo “slogan” lanciato per questo tempo è: “Ekapolon, akyatar akilip kosi!” (Signore, aumenta la nostra fede!). E’ davvero una sfida attuale perché, a distanza di 75 anni di presenza della Chiesa, ad un'occhiata superficiale, sembra che poco o niente sia cambiato.
Invece i segni ci sono. Sono i segni delle cose piccole: le ragazze che dopo la cresima rifiutano di diventare seconde (o terze o quarte…) mogli; ragazzi che cercano a tutti i costi di finire la scuola per non tornare a far pascolare il bestiame ed andare a razziare; madri che finalmente accettano di venire a partorire in ospedale, in maggior sicurezza…

Don Francesco Cibin (Recife - BRASILE)

… Ormai sono passati parecchi anni da quando il Signore mi ha chiamato a lavorare per i poveri nel Nordest del Brasile e insieme alle fatiche e sacrifici, ho sperimentato pure grandi soddisfazioni nel constatare che ho cooperato a far rivivere tante persone innocenti lasciate a margine della società. E ciò è stato possibile perché abbiamo trovato la solidarietà di tante persone generose…

Suor Alma Chiara Sartor

(Bissau - GUINEA BISSAU)
… Qui viviamo il tempo della siccità, crisi di acqua per la nostra gente. Già quasi tutte le fonti sono secche.
L’acqua è fondamentale per tutti: dobbiamo misurarla e, poi, speriamo un giorno, poterla godere. Grazie di tutto, di quello che fate per i
bisognosi.

Don Sergio Teker (Achao - CILE)

… Qui in casa siamo 25 (…) Stiamo vivendo una grave emergenza: è entrato in eruzione un vulcano a 80 km da noi. La colonna di pietre, cenere e fuoco è alta 20 km e sembra un enorme fungo atomico sopra il nostro paese
(…) Ci raccomandiamo alle vostre preghiere affinché tutto si calmi e non succeda il gran terremoto annunciato dagli scienziati. Grazie al Gruppo Caritas e a tutti i parrocchiani per il vostro generoso e costante aiuto, per noi veramente vitale. Molta gente bussa alla nostra porta chiedendo cibo. A tutti diamo un pacco con pasta, zucchero caffè e riso. E questo ce lo permettete voi, con il vostro sostegno. Dio vi premi e vi protegga. Vi ricordiamo con riconoscenza nelle nostre preghiere serali. Ed io in particolare vi ricordo assieme alle vostre
famiglie nella mia Santa Messa giornaliera.

Don Vincenzo Tonetto
(Piracicaba - BRASILE)
…Penso che noi missionari di S. Donà stiamo camminando verso gli ottanta, io li ho già compiuti in questi giorni (agosto 2008). E’ ora di alzare le vele, ma chi ci sostituirà?
… Un missionario non ci sono soldi che lo paghi. La maggior parte del mondo non vive ancora la presenza del Cristo. Quindi preghiamo, facciamo penitenza, diamo un poco della nostra vita affinché il regno di Cristo invada il mondo… Lavoriamo tutti per la salvezza dell’umanità.
 
 

Vite da raccontare

Storia e Persone - Vite da raccontare
Eleonora Simonato
Martedì 25 Maggio 2010
La comunità parrocchiale del Duomo di San Donà di Piave è in festa...ma forse non lo sa!
Non sono in molti infatti a conoscere Eleonora Simonato, giovane trentenne che domenica 9 maggio scorso ha profuso la professione religiosa perpetua come carmelitana nel monastero del Sacro Cuore di Torino, alla presenza del cardinale Mons. Poletto (originario di Salgareda).

La sua è una storia vissuta, e possiamo dire contrassegnata, dal "nascondimento".
Nei suoi anni di adolescente ha partecipato agli scout, ed è sempre stata vicina alla vita della comunità parrocchiale, continuando nella sua formazione religiosa.
La frequentazione di Venezia per motivi di studio, l'ha avvicinata ad alcune esperienze di vita consacrata, tra cui quella della vita monastica delle carmelitane scalze.
Il desiderio di approfondire quella che era la sua vocazione, la chiamata che il Signore aveva pensato per lei, l'ha portata a conoscere ...continua
Storia e Persone - Vite da raccontare
Sant'Antonio di Padova (1195, Lisbona-1231, Padova)
Giovedì 13 Giugno 2013
Si chiamava Fernando ed era nato a Lisbona (Portogallo) nel 1195, da nobile famiglia. Giovanissimo era entrato tra i canonici regolari di sant'Agostino di Coimbra ed acquisì una notevole cultura in campo biblico, teologico, filosofico e scientifico. Ordinato sacerdote, tutti ponevano in lui le più belle speranze.
Fernando rimase profondamente scosso assistendo ai funerali di cinque umili Frati Minori, inviati in Marocco da Francesco, che erano stati uccisi dai maomettani. Decise allora di prendere il loro posto. Entrato nell'Ordine Francescano, prese il nome di Antonio e partì missionario per le coste africane.
Una violenta bufera lo costrinse invece ad approdare in Sicilia da dove, dopo aver predicato alcuni mesi, decise di raggiungere Francesco ad Assisi.
Lì, partecipò silenziosamente al capitolo generale e si affidò al provinciale francescano dell'Emilia Romagna, che lo portò con ...continua
Storia e Persone - Vite da raccontare
Don Alberto Poles
Lunedì 21 Agosto 2006

Dopo 17 anni (era allora il 17 giugno del 1989, quando veniva ordinato don Alberto Maschio), un altro don Alberto sandonatese è stato ordinato sacerdote salesiano nel nostro Duomo; con lui altri  tre confratelli,  don Gianluca Brisotto  (di Monastier), don Gabriele (di Gorizia) e don Mariano Diotto (da Padova), nipote di mons. Bruno Pedron, Vescovo di Jardim (Brasile), che gli conferisce il ministero sacerdotale. Oltre che la nostra comunità, la festa ha coinvolto persone da un po’ tutta Italia, conosciute dai quattro salesiani durante i dieci anni di formazione, che hanno riempito il nostro Duomo.

Alberto Poles è nato il 16 maggio del 1973, ultimo di cinque fratelli. A nove anni (la data non può non far pensare a Don Bosco) varca la soglia dell’Oratorio per andare al cinema. Nemmeno a dirlo, la prima persona che conosce lì è proprio il sig. Giuseppe (Bepi) Arvotti, il salesiano che tante ...continua

Orari

Orario Messe
Feriale e sabato:
9; 18.30
Festivo:
7.30,  9.30,  11.30,  18.00

Prenotazione intenzioni messe:
in sagrestia,
prima e dopo le messe feriali e festive

Ufficio parrocchiale
dietro la canonica:
Aperto: lunedì e sabato, ore 9.30-11.30

Orario Catechismo
Casa Saretta:
ore 14.45-16.00
Lunedì: 1 e 2 media
Mercoledì: 2 e 3 elem.
Venerdì: 4 e 5 elem.
Sabato: classi tempo pieno

Attività ACR
Casa Saretta, sabato pomeriggio

Centro di ascolto Caritas
Casa Saretta, pianterreno
martedì 9.30-11.30
mercoledì 18.00-19.30
tel. 348.2962235

Centro Aiuto alla Vita
Casa Saretta, pianterreno
martedì e giovedì
ore  17.00 – 18.00
tel. 0421.52943

Emporio Solidale
per situazioni di povertà economica e disagio,
in Via Molina, 25 
martedì e giovedì 15.00-17.00
sabato 10.00 - 12.00
Contatti: 0421332697 - 042150767 339.2966898 - 333.2708600

Copyright © 2017 Parrocchia di S. Maria delle Grazie - Duomo di San Donà di Piave. Tutti i diritti riservati. Note legali.
Joomla è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Il sito parrocchiale si appoggia ai servizi gratuiti offerti da NETSONS:
NON HA IL CONTROLLO SULLA PUBBLICITA' INSERITA DA QUESTI NELLE PAGINE, NON NE E' RESPONSABILE, NON NE RICAVA UTILI E NEPPURE PROMUOVE O CONDIVIDE IL MESSAGGIO PUBBLICIZZATO.
Amministrazione