La cappella del Piccolo Rifugio racconta il legame tra Lucia e Maria

La statua della Madonna col Bambino al Piccolo Rifugio (Foto Susanna Paulon)Una bella riflessione di don Antonio Guidolin sul legame tra Lucia Schiavinato e la Madonna.
Per leggere il testo completo: PiccoloRifugio.org – Foto di Susanna Paulon

C’è, nella cappella del Piccolo Rifugio di San Donà, una statua della Vergine che ben rappresenta l’agire mariano di chi ha incontrato Cristo. La Madonna non stringe tra le sue braccia il piccolo Gesù, di chi vuole trattenerlo per sé, ma lo mostra, lo espone alla vista di chi viene a pregarla.

Sembra quasi dire: “Eccolo, è Lui, te lo dono!”. Il bambino Gesù tiene a sua volta le braccia aperte. E’ tra quelle braccia, come ad un porto sicuro, che Maria ci invita a far approdare la nostra vita. E’ una donna missionaria, la Vergine che Lucia ama e ci invita ad amare. Come Maria, Lucia sarà sempre una donna “in uscita”. C’è “il mondo intero delle anime che attende”. Però non è sempre facile vivere una tale disponibilità. Allora,”chi più di Maria può aiutarti ?… Fatti aiutare. Ti secca, ti annoia, ti pesa qualcosa nel servizio del prossimo ? Perché non parlarne alla Madre, e pregarla di aiutarti a superare te stessa, a mettersi con te?” Lucia è profondamente convinta di quanto Maria collabori all’opera di configurazione a Cristo di ognuno di noi. “Il suo è un lavoro di finissimo cesello: lasciamola fare… Ella sa ciò che occorre ad ognuna, perché i lineamenti del suo figlio siano veramente originali”.

Ostensorio del Piccolo Rifugio (foto Susanna Paulon)C’è, sempre a San Donà, un ostensorio, eseguito in modo originale, voluto da Lucia, dove la raggiera con la teca dell’Eucaristia è sostenuta dalla Vergine stessa.
Ancora una volta, in modo visivo, ci viene ricordato che ogni cristiano è chiamato ad essere come Maria, un ostensorio vivente
.

Non abbiamo altro da mostrare al mondo che Gesù. Ogni nostro servizio sarà sempre più autentico se si farà pura trasparenza dell’amore di Dio, altrimenti varranno anche per noi le dure parole dell’Imitazione di Cristo: “Sembra che tu lo faccia per vero amore, mentre lo fai per amore di te stesso”. Lucia ha compreso che la vera devozione a Maria è l’affidamento di sé a Colei che ci spinge a uscire da noi stessi, per andare incontro al Signore nei fratelli.

Don Antonio Guidolin