La nostra parrocchia, oggi

 

3. È COMUNITÀ FRATERNA. Ama e promuove la carità.
La vita di comunione e di amore è la finalità riassuntiva della parrocchia, in quanto realizza lo scopo essenziale della chiesa, fare dell’umanità una comunità di fratelli. Le forme e le iniziative messe in atto per promuovere la fraternità, sono molteplici e, mentre attuano, insieme educano.
Fondamentale è la convocazione eucaristica domenicale,dove i fratelli nella fede si trovano insieme per incontrare lo stesso Padre ascoltarne la Parola. A titolo esemplificativo si può ricordare: la giornata della carità durante l’Avvento, per richiamare l’attenzione su qualche problema sociale; le attività varie del Gruppo Caritas per promuovere lo spirito di solidarietà nella Comunità; le iniziative del Gruppo Missionario per sostenere le opere dei missionari sandonatesi; la raccolta quaresimale fatta dai bambini per “Un pane per amor di Dio” e “Un posto a tavola”; il banco alimentare a favore di famiglie povere del territorio sandonatese, gestito dal Centro Ozanam della Società San Vincenzo de Paoli. Questa associazione promuove anche l’AVO (Volontari Ospedalieri) e VADO (Volontari Assistenza Domiciliare) e raccoglie periodicamente dei fondi per le proprie attività assistenziali.
Ultimamente sono state avviate alcune iniziative per il sostegno a distanza:
– Fondazione “Aiuto e Amore”, in Cile. Il referente è p. Sergio Teker, che ha avviato quest’opera casa-famiglia per bambini abbandonati e poveri nel 1986. L’aiuto va a sostenere l’onere economico per l’allargamento a nuovi ospiti.
– Asilo-scuola comunitaria “Frutos de maes”, in Brasile. Le referenti sono le Volontarie del Piccolo Rifugio brasiliane, che già gestiscono un lebbrosario vicino al quartiere su palafitte (“a-lagado”) di Massaranduba, in Salvador de Bahia. L’aiuto è rivolto a sostenere l’onere economico per l’alimentazione dei bambini e ragazzi ospiti.
– Case per bambini orfani o poveri, in Myanmar (già Birmania). Le referenti sono le Suore della Riparazione, già operanti in loco. L’aiuto va a sostenere l’onere economico per il mantenimento e l’istruzione dei bambini.
Non si può non rilevare la sensibilità pronta e generosa di molti sandonatesi di fronte alla richiesta d’aiuti per emergenze nazionali ed internazionali. Anche il Consiglio economico della Parrocchia destina la quota del 5% del bilancio parrocchiale annuale alle opere di carità: vuole essere un segnale anche per le famiglie e i singoli riguardo alla destinazione sociale di una percentuale del proprio reddito. I giovani dei gruppi organizzano ogni anno la “cena del povero” come iniziativa di sensibilizzazione alla solidarietà. Il Patronato ACLI nelle pratiche ha riguardi particolari per gli anziani.