L’Asilo S. Luigi, Scuola dell’infanzia dal 1922

La nostra parrocchia può essere paragonata ad un grande albero i cui rami sono in aumento e diventano sempre più frondosi.

Un detto popolare dice che fa più rumore un ramo che cade che una foresta che cresce, e quindi non sempre siamo capaci di cogliere il buono e il bello che c’è nella nostra comunità parrocchiale. Uno di questi rami è la scuola dell’Infanzia parrocchiale “san Luigi”, comunemente conosciuta come “l’Asilo”. E’ un ramo i cui virgulti, in germoglio, stanno crescendo.

Le richieste per quest’anno da poco concluso sono state tante. Come al solito, seguendo il regolamento interno, si è dato la precedenza alle iscrizioni per i genitori appartenenti alla parrocchia del Duomo.
I Bambini sono stati 168, suddivisi in 6 sezioni, con 8 maestre. Il personale ausiliario è composto da 4 persone. Per la portineria ci sono 4 volontarie che si alternano. Tali signore si occupano anche della distribuzione della stampa cattolica.

Il personale è consapevole che la nostra scuola è fondata su radici cristiane, i cui valori vengono quotidianamente trasmessi ai bambini. La giornata inizia sempre con la preghiera in salone tutti insieme. Anche i più piccoli ormai hanno imparato il Padre nostro, l’Ave Maria, il Gloria, l’Angelo di Dio e l’Eterno riposo, preghiere conosciute da alcuni bambini perché già recitate in casa con i genitori e soprattutto con i nonni.

E’ da evidenziare una sempre maggiore consapevolezza dei genitori di essere i primi responsabili dell’educazione dei figli. La scuola è solo un supporto, anche se utile ma solo complementare. Durante l’anno scolastico si sono tenuti tre specifici incontri formativi per genitori la cui presenza, secondo i relatori, è stata buona e fruttuosa. Il dialogo e il confronto tra famiglia e scuola restano la prima scelta educativa.

Non sono mancati i contrattempi, le incomprensioni. Sicuramente da ambo le parti si sarebbe potuto fare di più e meglio. Resta però il molto di costruttivo che si è cercato di portare avanti, e in questi ultimi anni con maggior fatica del passato, a motivo dei tanti messaggi bombardati dai mass-media, non sempre in sintonia con i principi contenuti nei Vangeli.

Sr. Rita