Lettera dei vescovi del Triveneto per la visita del papa

Visita del papa

Carissimi,

Come ormai vi è noto, i giorni 7 e 8 maggio p.v. avremo il grande dono di accogliere il Santo Padre Benedetto XVI nella nostra Regione Ecclesiastica, ad Aquileia e a Venezia.

Egli viene a confermarci nella fede, il dono più prezioso che abbiamo ricevuto. Il Suo sarà un incontro con il popolo di Dio del Nord-Est, che affonda le sue radici ad Aquileia da cui sono scaturite cinquantatré Chiese, che vanno ben oltre i confini della nostra Italia attuale. Il Nord-Est italiano sente inoltre oggi l’urgenza di vivere appieno la sua nuova vocazione di crocevia di popoli latini, slavi e germanici.

La nostra fede ci insegna che il Papa è una presenza diretta e immediata in ogni Chiesa particolare come l’esprimiamo in ogni celebrazione dell’Eucaristia. E’ uno di famiglia. Lo vogliamo pertanto accogliere non solo come un ospite gradito ma come colui che, in quanto successore di Pietro, è il garante della comunione ecclesiale. Di ogni nostra parrocchia, di ogni comunità religiosa, di ogni aggregazione di fedeli egli è il necessario punto di riferimento.

Ci disponiamo a riceverlo attraverso la preghiera e l’approfondimento del suo magistero.

La presenza fisica del Papa tra noi ci chiede anche un impegno organizzativo che assicuri la bellezza e l’ordine di ogni gesto mediante il quale Benedetto XVI proporrà a tutti il Vangelo di Cristo e la vita buona che ne scaturisce.

Per queste ragioni vi chiediamo un’opera di sensibilizzazione e, in particolare, che la colletta di tutte le S. Messe di una domenica venga devoluta per aiutare le nostre Chiese a sostenere questa straordinaria occasione.

Certi della vostra lieta generosità, vi impartiamo una speciale benedizione.

I Vescovi del Triveneto