Nuova edizione italiana del rito delle esequie

I vescovi italiani hanno approvato nuovi adattamenti e aggiunte nei testi e nelle preghiere in occasione della celebrazione cristiana della morte. Era un intervento atteso, nel desiderio pastorale di contribuire a fare del momento delle esequie un’importante occasione per meglio annunciare il vangelo della speranza e manifestare la maternità della chiesa.
In una cultura che tende a rimuovere il pensiero della morte, quando addirittura non cerca di esorcizzarla, riducendola a spettacolo o trasformandola in un diritto, è compito dei credenti gettare su tale mistero la luce della rivelazione cristiana, collegandola con la vicenda pasquale di morte e risurrezione di Cristo, certi “che l’amore possa giungere fin nell’aldilà e che sia possibile un vicendevole dare e ricevere, nel quale rimaniamo legati gli uni gli altri con vincoli di affetto” (Spe salvi, 48).