Ricordo di p. Sergio Sorgon a 26 anni dal martirio

La Santa Messa vespertina dell’Epifania è stata presieduta da p. Gino Pizzuto, carmelitano scalzo missionario in Madagascar, e concelebrata dal confratello sandonatese p. Italo Padovan.

Proprio 26 anni fa in questa Festa il loro confratello e nostro concittadino p. Sergio Sorgon celebrava la sua ultima Eucarestia. Il giorno successivo, infatti, veniva ucciso mentre ritornava in moto alla sua parrocchia di Moramanga. Il suo corpo fu ritrovato sul ciglio della strada, presso il paese di Ambatolaona. P. Sorgon si era recato il giorno prima (Festa dell’Epifania) nella capitale Tananarive proprio per salutare il confratello e compaesano p. Italo Padovan, che rientrava in Italia.

P. Pizzuto è stato compagno di studi di p. Sergio e loro due (si aggiunse poi p. Angelo Doriguzzi) furono i primi carmelitani ad arrivare in Madagascar nel 1969.

Come ha ricordato il nostro parroco, p. Pizzuto ha appena celebrato come lui i 50 anni di sacerdozio a Staffolo, suo paese di nascita. Domenica 19 dicembre scorso era presente anche il giovane Vescovo malgascio mons. Fabien Raharilamboniaina, allievo di p. Gino, il quale ha ricordato come la sua vocazione nacque grazie a p. Sergio Sorgon: allora disse che avrebbe voluto continuare la sua opera.