La relazione del vescovo Gianfranco Agostino all’assemblea per la visita pastorale

In occasione della visita pastorale il vescovo ha incontrato gli operatori pastorali in assemblea, presentiamo la relazione dei consigli pastorali e l’intervento del vescovo Gianfranco Agostino Gardin.

 

Ascolta o scarica la relazione dei Consigli pastorali della Collaborazione di San Donà di Piave, clicca qui

Assemblea 05-03-2016

Ascolta o scarica la relazione del vescovo, clicca qui

Leggi il seguito

L’intervento di don Mario Salviato all’Assemblea dei Consigli pastorali.

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

Collaborazione PastoraleMartedì 21 ottobre 2014  alle ore 20.30 presso l'Oratorio don Bosco si sono incontrati in Assemblea i consigli pastorali della futura Collaborazione Pastorale di San Donà di Piave. Era presente don Mario Salviato, vicario per la pastorale.

Pubblichiamo il suo intervento:

 

PREMESSA

Nell'incontro di stasera mi è stato chiesto di riportare l'attenzione sull'obiettivo verso il quale tutte le parrocchie della diocesi sono invitate ad incamminarsi, quella della Co.Pas., che nel vostro caso riguarderà le 5 parrocchie di S. Donà (con l'eccezione di Passarella e Chiesanuova, già coinvolte nella Co.Pas. di Musile, una delle prime istituite in diocesi). Si tratta di una Co.Pas. cittadina, visto il significativo numero di abitanti e il loro riferimento cittadino. Già mons. Bonomo si era incontrato con i sacerdoti e, nell'aprile 2013 con i CPP e i CPAE per sostenere e motivare il cammino verso la collaborazione. Qualche CPP ha pure ascoltato testimonianze di collaborazioni già avviate. A tutt'oggi sono 24 le Collaborazioni ufficialmente istituite (riguardano 118 parrocchie) sulle 50 previste.

LA COLLABORAZIONE PASTORALE

Leggi il seguito

Verbale del Consiglio pastorale parrocchiale di lunedì 17 marzo 2014

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.

O.D.G.:

• Preghiera iniziale.
• Confronto sulla Lettera pastorale: Se tu conoscessi il dono di Dio - Riscoprire il nostro battesimo.
• Suggerimenti pastorali per aiutare la comunità a riscoprire il Battesimo.
• Varie ed eventuali.

- Momento di preghiera preparato e condotto da don Lorenzo Piola.

- Il Parroco introduce l'incontro ringraziando per la buona riuscita delle tre sere di spiritualità vicariali. Le tre bibliste che le hanno condotte si sono fatte apprezzare per contenuti e tempi. Un ringraziamento va anche a don Tiziano Rossetto per l'organizzazione e ai cori. Le tre serate sono riuscite belle e partecipate. Viene quindi introdotto il tema del Battesimo su cui ci si confronterà con le risonanze personali su aspetti che forse abbiamo dato per scontati. Il cammino da fare è quello di maturare la consapevolezza del grande dono. Si suggeriscono delle domande per il confronto: Cosa ti ha colpito maggiormente della Lettera del Vescovo? Quale aspetto del Battesimo ha suscitato in te maggiore interesse e attenzione? Quale appello hai raccolto per la tua vita cristiana di ogni giorno? Pensando poi alla Comunità Cristiana, quali iniziative, attività, potrebbero essere utili per aiutare a maturare una maggiore consapevolezza del grande dono del battesimo? Iniziano le testimonianze.

Leggi il seguito

Verbale del Consiglio pastorale parrocchiale di lunedì 17.02.2014

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

di lunedì 17.02.2014

L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.

O.D.G.

• Preghiera iniziale.
• Incontro con l'esperienza di Catechesi battesimale:
- introduzione storica;
- un catechista battesimale racconterà la sua esperienza.
• Testimonianza di un cresimato adulto.
• Varie ed eventuali.

- Momento di preghiera preparato e condotto da Franca Roma.

- Il Parroco introduce l'incontro. Ricorda la riflessione svolta sulla Sacrosanctum Concilium ed il cammino svolto. Ora si vuole riprendere la Lettera del Vescovo sul Battesimo. In particolare l'incontro verterà sulla iniziativa pastorale della nostra parrocchia con il gruppo di catechesi battesimale e della Cresima degli adulti.

Leggi il seguito

Verbale del Consiglio pastorale parrocchiale di lunedì 20.01.2014

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.

O.D.G.
• Preghiera iniziale.
  1. Ripresa delle domande poste nell'ultimo CPP circa la liturgia, il ministero dell'annuncio e le azioni caritative.
  2. Alcuni orientamenti da prendere.
  3. Il rinnovo del Consiglio Pastorale Parrocchiale.
  4. Varie ed eventuali.

- Momento di preghiera preparato e condotto da Paolo Facci.

1. Il Parroco introduce l'incontro (vedi allegato), sottolineando l'utilità di soffermarsi ulteriormente sulle domande su cui si è riflettuto lo scorso CPP, al fine di dare delle risposte a partire dall'esperienza personale vissuta nelle nostre liturgie domenicali. A tal scopo ci si divide in due gruppi che, dopo circa un'ora di lavoro, si riuniscono e relazionano su quanto discusso, come di seguito riassunto.

La Messa in Duomo viene vissuta come solenne e ciò aiuta alla preghiera. Sono importanti i momenti di silenzio, anche se sono un po' carenti durante la Comunione. Il silenzio dopo al Comunione favorisce il rapporto personale con il Signore.

Alcuni atteggiamenti (per es. canto non corale, il non inginocchiarsi durante la Consacrazione da parte di alcuni, la lentezza del canto ecc.) creano distrazione. A tal proposito, si auspica un'informazione sulle corrette posture da tenere nei diversi momenti liturgici. La presenza dei libretti aiuta il canto. Si nota poi la mancanza di chierichetti e ancelle.

Leggi il seguito

Verbale del Consiglio pastorale parrocchiale del 9 dicembre 2013

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.

O.d.G.
• Preghiera.
• Introduzione del Parroco.
• Risonanze sulle presentazioni della "Sacrosanctum Concilium" e della lettera pastorale del Vescovo.
• Quali attenzioni avere per una maggior partecipazione di tutti?
    - nella celebrazione eucaristica
    - nella catechesi
    - nella carità
    Come intervenire per educare circa l'azione liturgica?
• Varie ed eventuali.

• Momento di preghiera preparato e condotto da sr. Luigina.
• Don Paolo introduce (allegato 1)
• Seguono le risonanze personali.
Patrizia
: il battesimo prima è una morte e poi una vita; mi è piaciuto il termine mistagogia, cioè capire quanto abbiamo ricevuto; nel battesimo è importante anche la comunità. Nella liturgia Cristo è realmente presente, non è "come se lo fosse": quanto è vero ciò, a livello di percezione, nelle nostre eucarestie? Sarebbe importante spiegare i termini e i gesti che si compiono nella liturgia.
Leggi il seguito

Verbale del Consiglio pastorale parrocchiale di lunedì 11 novembre 2013

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.
O.D.G.
• Preghiera.
• Introduzione del Parroco.
• In occasione del 50° del documento conciliare "Sacrosanctum Concilium", sintesi del documento e confronto.
• Presentazione e commento della lettera pastorale del Vescovo "Se tu conoscessi il dono di Dio"-Riscoprire il nostro battesimo.
• Suggerimenti pastorali per favorire la riscoperta del Battesimo nella nostra Comunità.
• Varie ed eventuali.
  •  Momento di preghiera preparato e condotto da Laura Cocco.
  •  Don Paolo introduce l'assemblea con alcune sue impressioni dei primi giorni da Parroco. In particolare ha sperimentato la presenza di tanti fedeli impegnati nei vari settori della pastorale e questa è una concretizzazione del Concilio Vaticano II. Da curare è una maggior attenzione all'aspetto liturgico, sempre alla luce della riforma apportata dal Concilio. Ricorda che il 4 dicembre prossimo ricorre il 50° anniversario della promulgazione del primo dei 16 documenti conciliari, la "Sacrosanctum Concilium". Questo documento e la lettera del Vescovo, che verranno presentate di seguito, saranno oggetto di confronto e risonanza nel prossimo CPP.

Leggi il seguito

Verbale del Consiglio pastorale parrocchiale di lunedì 14.01.2013

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.

O.D.G.

• Preghiera.
• Per completare l'informazione circa le istituzioni di ispirazione cattolica presenti nella nostra parrocchia: il Piccolo Rifugio (Francesco Facci) e la scuola "Licei San Luigi" (Gabriella Zago).
• Una proposta per i prossimi incontri del Consiglio Pastorale Parrocchiale, collegando l'anno della fede e l'anniversario del Concilio con la testimonianza delle donne nel nostro territorio... l'argomento potrebbe essere provvisoriamente così formulato:
"La donna e la trasmissione della fede a 50 anni dal Concilio Vaticano II".
Proposte e riflessioni per aiutarci a conoscere e valorizzare quello che le donne fanno già: educano nella fede, testimoniano nella professione, sostengono la vita familiare... e individuare eventuali altre forme di presenza e di azione cristiana.
• Varie ed eventuali.

  •  Momento di preghiera preparato e condotto da Santina Fregonese.

  •  Don Gino dà il benvenuto alla prof. Gabriella Zago e presenta la nuova Presidente dell'AC parrocchiale Alessia Matiuzzo. Francesco ricorda l'infortunio occorso al fratello Paolo, che richiederà una convalescenza piuttosto lunga.  La prof.ssa Gabriella Zago relaziona su i "Licei San Luigi". Si tratta di un'opera di matrice cristiana, nata nel 1947 per volontà di mons. Saretta, al fine di promuovere la formazione umana e cristiana delle nuove generazioni, tramite le Suore della Riparazione. Si iniziò con la scuola media, la magistrale e infine il Centro di Formazione Professionale (CFP). Nel 1980 l'Istituto Magistrale prendeva il percorso del Liceo Linguistico. Nel 1991 il Liceo Pedagogico sostituiva l'istituto Magistrale. Nel 1993 il Liceo Linguistico diviene "Liceo Linguistico Europeo". Seguono gli anni della crisi. Il calo delle vocazioni religiose ha influito per l'aumento dei costi, con l'aumento dei docenti laici. Le Suore tentarono di resistere per mantenere comunque aperta la scuola, ma poi venne la decisione di lasciare la suola più onerosa, cioè il Liceo, per gestire il CFP. Allora un gruppo di insegnanti e genitori costituirono una cooperativa (oggi è una ONLUS) per gestire il Liceo Linguistico la cui sede per dieci anni – a partire dal 2000 – è stata ad Eraclea, presso la vecchia scuola del paese. La cooperativa fece un mutuo per il rinnovo e la messa a norma dei locali. Quindi con varie difficoltà economiche si è avviata e gestita l'attività, pur mantenendo le rette più basse possibile, per dare la possibilità di frequenza al maggior numero di giovani. Tutti gli allievi che erano iscritti a San Donà vennero ad Eraclea. La Provvidenza ci ha aiutato tramite contributi privati. L'amministrazione è stata molto sobria (es. non ci sono i bidelli e i servizi sono gestiti in prima persona).

Leggi il seguito

Verbale del Consiglio Pastorale Parrocchiale di lunedì 10 dicembre 2012

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.

O.D.G.
• Preghiera.
• Resoconto di due attività istituzionali parrocchiali: CFP San Luigi (madre Luigina); Oratorio e CFP Don Bosco (don Alberto).
• Confronto per elaborare un breve messaggio da rivolgere alla comunità, nell'attuale situazione di crisi, in occasione del Natale e considerando:
a) l'inevitabile limite di ogni sviluppo materiale;
b) la dimenticanza di Dio che porta allo smarrimento di significato;
c) la solidarietà con i poveri come via per la costruzione della pace;
d) l'opportunità di un consumo "etico" e sostenibile.
• Varie ed eventuali.
  •  Momento di preghiera preparato e condotto da Francesco Brichese.

 1. Madre Luigina relazione sul CFP San Luigi. Lo spirito della "Riparazione", su cui si fonda l'Istituto, è di dare ai giovani deboli e svantaggiati opportunità di crescita umana e culturale. In particolare i giovani che frequentano il Centro Professionale hanno "l'intelligenza delle mani". Viene offerta loro istruzione religiosa (celebrate due messe di inizio e fine anno). Si svolgono incontri con i genitori, in particolare riuniti nelle associazioni FICIAP e AGESC. Si tengono 9 corsi di formazione iniziale con 201 allievi, organizzati in due indirizzi di qualifica: operatore amministrativo segretariale; operatore del benessere-acconciatore. Si tengono poi corsi post-qualifica di specializzazione per giovani e adulti (formazione superiore). Quest'anno si tengono corsi anche per adulti (300 ore per qualifica e abilitazione per gestire un salone). Nell'ambito della formazione continua si svolgono corsi serali a catalogo e corsi per apprendisti. Sono capofila del progetto "Orientamento e territorio 2012". Vi sono poi servizi al lavoro per l'orientamento, riqualificazione, formazione di lavoratori in cassa integrazione/mobilità in deroga. Si ricorda inoltre il servizio di volontariato quindicinale con le allieve alla casa di riposo.


Leggi il seguito

Verbale del Consiglio pastorale parrocchiale di lunedì 12.11.2012

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.

O.D.G.
• Preghiera;
• Contributi di esperti circa la situazione sociale sandonatese;
• Varie ed eventuali.

-  Momento di preghiera preparato e condotto da Luca Morosin.

1. Don Gino introduce gli interventi degli esperti invitati per fare una quadro sulla situazione sociale del Sandonatese, ricordando che lo scopo dell'incontro è di raccogliere dati su lavoro, reddito, casa, disagi vari presenti al fine di sostenere una riflessione e poter fornire da cristiani fiducia e speranza come augurio in vista del Natale.

Lorenzo De Vecchi (segretario CISL di Venezia). Il tasso di disoccupazione è raddoppiato negli ultimi quattro anni: ufficiale è del 7%, ma secondo altre fonti è dell'11%; duemila persone sono iscritte nelle liste di collocamento del Comune di San Donà, ma probabilmente vanno aggiunte altre mille unità circa. I dati di San Donà sono simili a quelli del territorio e della Provincia. In particolare si è avuto un calo del 50% degli addetti nel settore dell'edilizia. Il paradosso è comunque che in generale il numero degli occupati nel complesso non è diminuito (una causa è il blocco dei pensionamenti, che trattiene le persone al lavoro).
Leggi il seguito

La situazione economica e sociale del sandonatese

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
Si riporta il testo completo della ricerca relazionata nella riunione del 12 novembre 2012 del Consiglio Pastorale Parrocchiale (CPP) dal dott. Francesco Brichese.

Premessa

Qual è la situazione economica e sociale del territorio sandonatese? Ci sono situazioni di "povertà"? In che modo la situazione è aggravata dall'attuale congiuntura?
Sono queste le domande che si è fatto il Consiglio pastorale della parrocchia del Duomo di S. Donà di Piave, alla ripresa delle attività dopo la pausa estiva, al fine di poter consapevolmente rivolgere ai fratelli più sfortunati una parola di partecipazione e di speranza.
Nel tentativo di dare risposta a queste domande, sarebbe ingenuo fare affidamento alle sole percezioni di senso comune, dal momento che non sempre la percezione dei fatti corrisponde alla loro reale dimensione.
Innanzitutto, non si può escludere che nel sandonatese non sussistano fenomeni di povertà [1]. Anzi, se come risulta dai dati del Rapporto Caritas 2012 ai centri di ascolto (cda) e ai servizi socio-assistenziali si rivolgono sempre più nuove categorie di poveri, è molto probabile che anche nel nostro territorio possano diffusamente esserci volti nuovi del disagio che tuttavia rimangono invisibili nel sommerso del vivere quotidiano.
Ci si riferisce alle storie di povertà degli italiani e a "situazioni di povertà estrema che coesistono tuttavia con una vita apparentemente normale, magari vissuta all'interno di una abitazione di proprietà".
Leggi il seguito