Il vescovo Florentin Crihalmeanu presenta le memorie del cardinale Iuliu Hossu

Alla presenza del nostro vescovo mons. Gianfranco Agostino Gardin, il vescovo mons. Florentin Crihalmeanu della Chiesa Greco cattolica di Romania ha presentato la figura del cardinale Iuliu Hossu.

Dalla prefazione del libro "La nostra fede è la nostra vita - Memorie - Iuliu Hossu: "Le pagine di questo diario, scritte durante il periodo di < > in cui si trovava nell'ultima parte della sua vita, costituiscono un vero testamento spirituale. Sono anche un modello di vita, lasciato a testimonianza per i suoi successori. Un'attualissima confessione di fede e un messaggio indirizzato con la stessa forza ai fedeli di allora come di oggi "state saldi...".

Ascolta la prima parte dell'intervento, clicca qui  (39 minuti)

Leggi il seguito

La lettera del vescovo sul cammino sinodale

fonte: diocesi di Treviso

 

Ecco la lettera pastorale che accompagna il cammino sinodale della nostra diocesi.

«… avendo potuto, attraverso la Visita pastorale, conoscere meglio sé stessa – le sue povertà e le sue ricchezze, i suoi problemi e le sue attese, le sue fragilità e i suoi doni – la nostra Diocesi sente il  bisogno di domandarsi che cosa

Leggi il seguito

Conclusione dell’Anno Santo in cattedrale

Domenica 13 novembre il Vescovo ha presieduto la Messa di conclusione dell’Anno Santo della misericordia.

 

 

 

 

 

 

Ascolta l'omelia, clicca qui .

 

Omelia nella chiusura del Giubileo della Misericordia
Cattedrale di Treviso, 13 novembre 2016

 

Fratelli e Sorelle,
nel chiudere nella nostra diocesi, come avviene oggi in tutte diocesi del mondo, l’Anno giubilare della misericordia, avvertiamo dentro di noi un  entimento di profonda gratitudine al Signore. Abbiamo coscienza che questo Giubileo è stato per noi un dono; e qui la gratitudine sincera va anche al nostro amato papa Francesco per la sua luminosa intuizione. Abbiamo accolto proposte dis riflessione e di conversione interiore, abbiamo vissuto esperienze di fede e di attenzione al prossimo, abbiamo aperto gli occhi sul mondo in maniera nuova.

Potremmo, in questo momento, fare una sorta di bilancio di come è stato accolto questo evento giubilare, richiamando ciò che abbiamo potuto vedere all’esterno: la partecipazione di tante persone ai vari appuntamenti e pellegrinaggi giubilari, a cominciare già dal momento stesso in cui abbiamo aperto la Porta Santa in questa cattedrale e in altre chiese della diocesi; l’accostarsi di molti al sacramento della Riconciliazione; il coinvolgimento in iniziative che hanno attuato opere di misericordia di vario genere. Ma sarebbero computi superficiali e forse anche privi di senso. Noi crediamo all’opera silenziosa e nascosta di Dio nei cuori e nelle coscienze: essa ci rimane invisibile; ne possiamo scorgere,  tutt’al più, solo degli indizi, dei segni. Per descrivere il modo in cui Dio opera, Gesù usa l’immagine del “seme”: il seme della Parola; il seme del Regno. Nel vangelo di Marco leggiamo: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa» (Mc 4,26s.). Noi vogliamo credere che questo anno giubilare abbia sparso semi di Vangelo nella vita di tante persone.

Leggi il seguito

Visita pastorale e istituzione della Collaborazione pastorale di San Donà di Piave

Ascolta la meditazione del Vescovo mons. Gianfranco Agostino Gardin alla celebrazione di apertura della Visita pastorale e Istituzione della Collaborazione pastorale di San Donà di Piave, clicca qui.

 

 guarda le foto della celebrazione, clicca qui.


Dal Decreto di indizione della Visita pastorale:
Il Vescovo «è inviato in nome di Cristo come pastore per la cura di una determinata porzione del popolo di Dio» (Pastores gregis, n.43). Allo svolgimento del suo ministero appartiene anche il compito di compiere la Visita pastorale.  Mediante essa egli «esercita più da vicino per il suo popolo il ministero della parola, della santificazione e della guida pastorale, entrando a più diretto contatto con le ansie e le preoccupazioni, le gioie e le attese della gente e potendo rivolgere a tutti un invito alla speranza» (ivi n. 46). 
L
a Visita pastorale mi consentirà di conoscere e amare maggiormente questa chiesa di Treviso, per poter meglio servirla, sollecitando la a seguire più fedelmente il Signore Gesù e il suo vangelo, a rendere più efficace l'evangelizzazione e la trasmissione della fede, a praticare un'assidua e attiva partecipazione alla celebrazione dei divini misteri, ad incrementare la comunione e la carità.
Lo Spirito Santo sostenga e accompagni l'inizio e lo svolgimento di questa Visita pastorale e lo porti al suo compimento nel segno
della fedeltà a Cristo, Signore e Maestro, di una rinnovata evangelizzazione e di una operosa comunione ecclesiale. Ci aiuti l'intercessione di Maria Santissima e dei nostri patroni S. Liberale e S. Pio X.

 

Dopo aver ascoltato le relazioni di ampia parte della vita e della missione delle nostre comunità parrocchiali, è stata istituzione la Collaborazione Pastorale di San Donà di Piave comprendente le parrocchie del territorio della città: Duomo-Palazzetto - S. Giuseppe Lavoratore - S. Pio X - Mussetta - Fiorentina - Calvecchia.

Leggi il seguito

Lettera dei Vescovi di Treviso e Vittorio Veneto ai cristiani e agli uomini e donne di buona volontà delle loro diocesi

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
Fratelli e sorelle carissimi,

già da qualche anno al territorio delle nostre due diocesi, come del resto a tutto il nostro Paese, è chiesto di offrire accoglienza ad un certo numero di "migranti forzati", tra i quali vi sono richiedenti asilo, rifugiati e migranti economici, costretti (pagando ed indebitandosi) a partire, in particolare, dalle coste libiche. Ad oggi, in provincia di Treviso, sono presenti circa 900 migranti, arrivati sia nel 2014 che nel 2015: in media, circa 10 persone per comune, uno ogni mille abitanti.

Recentemente l'arrivo di migranti ha dato luogo a qualche episodio di particolare tensione sociale, anche a causa di scelte improvvide per la loro sistemazione. Abbiamo voluto attendere che si attenuasse un certo clima surriscaldato, favorito da un'enfatizzazione  dei fatti tipica dei mezzi di comunicazione. Vorremmo offrire ai cristiani, e a quanti credono nel valore della solidarietà, alcune considerazioni pacate e, soprattutto, ispirate a ciò che orienta la vita dei credenti.

Rileviamo anzitutto che, se a livello nazionale ed europeo la gestione dei flussi di migranti appare priva di una gestione sufficientemente pensata e debitamente organizzata, a livello di responsabili regionali e comunali si mescolano, alla oggettiva difficoltà di far fronte a richieste improvvisate di accoglienza, alcune componenti ideologiche; queste sembrano impedire di cogliere la dimensione drammatica di tante situazioni umane. Il fenomeno migratorio è senza dubbio di vaste proporzioni, ha radici complesse (che "i grandi" non mostrano di saper o voler esaminare con coraggio), domanda soluzioni impegnative.

Leggi il seguito

Festa vicariale a San Donà di Piave con il Vescovo

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

fonte: Diocesi di Treviso

Il grande selfie collettivo dei ragazzi con vescovo, parroco e sindaco di San DonàGrest: esperienza di gratuità, fede e gioia

Bella festa vicariale a San Donà di Piave con il Vescovo

"Insieme a tutte le creature, camminiamo su questa terra cercando Dio, perché «se il mondo ha un principio ed è stato creato, cerca chi lo ha creato, cerca chi gli ha dato inizio, colui che è il suo Creatore». Camminiamo cantando! Che le nostre lotte e la nostra preoccupazione per questo pianeta non ci tolgano la gioia della speranza". Prendiamo spunto da un passo introduttivo dell'enciclica Laudato si' di Papa Francesco per raccontare lo spirito con cui si sono ritrovati venerdì scorso circa mille ragazzi ed animatori dei grest del Vicariato di San Donà di Piave e di quelli limitrofi presso il parco fluviale.

Gioia e speranza: queste le parole che anche "The Ranch" vuole trasmettere a tutte le parrocchie che hanno scelto di raccontare questa storia ispirata alla parabola del padre misericordioso.

Leggi il seguito

Quattro nuovi diaconi per la diocesi di Treviso

Ordinazione diaconale 2 maggio 2015don Matteo AndrettoSabato 2 maggio alle ore 17 nella chiesa parrocchiale di Camposampiero, quattro giovani del nostro seminario hanno ricevuto il diaconato per le mani dell’arcivescovo Gianfranco Agostino Gardin.

Sono Matteo Andretto da Marcon in servizio nella nostra comunità parrocchiale, Samuele Tamai da Fossalta di Piave, Riccardo Camelin da Caerano di San Marco, Giovanni Marcon da Treville.

Ascolta o scarica l’omelia …

Leggi il seguito

Verbale del Consiglio pastorale parrocchiale di lunedì 17 marzo 2014

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.

O.D.G.:

• Preghiera iniziale.
• Confronto sulla Lettera pastorale: Se tu conoscessi il dono di Dio - Riscoprire il nostro battesimo.
• Suggerimenti pastorali per aiutare la comunità a riscoprire il Battesimo.
• Varie ed eventuali.

- Momento di preghiera preparato e condotto da don Lorenzo Piola.

- Il Parroco introduce l'incontro ringraziando per la buona riuscita delle tre sere di spiritualità vicariali. Le tre bibliste che le hanno condotte si sono fatte apprezzare per contenuti e tempi. Un ringraziamento va anche a don Tiziano Rossetto per l'organizzazione e ai cori. Le tre serate sono riuscite belle e partecipate. Viene quindi introdotto il tema del Battesimo su cui ci si confronterà con le risonanze personali su aspetti che forse abbiamo dato per scontati. Il cammino da fare è quello di maturare la consapevolezza del grande dono. Si suggeriscono delle domande per il confronto: Cosa ti ha colpito maggiormente della Lettera del Vescovo? Quale aspetto del Battesimo ha suscitato in te maggiore interesse e attenzione? Quale appello hai raccolto per la tua vita cristiana di ogni giorno? Pensando poi alla Comunità Cristiana, quali iniziative, attività, potrebbero essere utili per aiutare a maturare una maggiore consapevolezza del grande dono del battesimo? Iniziano le testimonianze.

Leggi il seguito

Mons. Paolo Carnio nominato Vicario foraneo del Vicariato di San Donà di Piave

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

fonte: Diocesi di Treviso

Il Vescovo ha nominato i nuovi vicari foranei,  inizieranno il loro servizio il 1° giugno 2014.

In queste settimane il presbiterio diocesano è impegnato nella elezione dei rappresentanti del nuovo Consiglio presbiterale. Il primo atto del processo di elezione comporta la presentazione da parte dei preti dei vicariati di una terna di nomi tra i quali il Vescovo sceglie i nuovi vicari foranei.

Pertanto, in data 29 marzo 2014, il vescovo Gianfranco Agostino Gardin ha nominato:

Leggi il seguito