Un contributo di riconoscenza

Don Ettore Andreatti (1930-2015), direttore dell'Oratorio di San Donà tra il 1970 e il 1976In questo mese di luglio sono tornati alla Casa del Padre don Enrico Dario e don Ettore Don Enrico Dario, all'Oratorio di San Donà dal 1973 al 1981Andreatti, che hanno fatto parte della comunità salesiana del nostro Oratorio negli anni ’70. Ci pare doveroso (e lo si fa volentieri) dedicare qualche riga di ricordo a questi due sacerdoti, che sono ancora nella viva memoria di molti che li hanno

Leggi il seguito

Il mezzo secolo della Parrocchia di Mussetta (Parte terza)

La Chiesa Parrocchiale di MussettaContinuiamo la lettura degli articoli apparsi nel Foglietto Parrocchiale del Duomo in occasione della fondazione della Parrocchia Santa Maria Assunta di Mussetta, 50 anni fa.
Per l’occasione viene inaugurata questa sera, venerdì 2 agosto 2013, una Mostra fotografica che fa ripercorrere con immagini gli avvenimenti dell’avvio e in particolare la costruzione della chiesa.

Nei Foglietti Parrocchiali del 1963,

Leggi il seguito

Il mezzo secolo della Parrocchia di Mussetta (Parte prima)

La Parrocchia Santa Maria Assunta di Mussetta sta festeggiando i suoi primi cinquant’anni. Rileggendo alcuni articoli apparsi nel Foglietto Parrocchiale (F.P.) del Duomo di quel 1963 si rivive la cronaca dei primi passi della nuova parrocchia a cui, curiosamente, all’inizio fu dato il nome di “Riva di Piave“.


Inaugurata la nuova Parrocchia di Riva di Piave (F.P.

Leggi il seguito

Doverosa memoria dei benefattori

Villa LetiziaLe opere parrocchiali, si sa, vengono finanziate dalle offerte dei parrocchiani. Non essendoci nessuna tariffa, ognuno dà quel che può e quando può. Un tempo la raccolta delle offerte era accompagnata anche da un benevolo invito del parroco a contribuire (intendeva anche educare alla partecipazione e alla solidarietà).

Nel generale contesto di scarsità delle risorse, ogni tanto emergeva come ‘benefattore’ …

Leggi il seguito

Gianna Prata (16.11.31 – 12.09.06)

Mi piace ricordarla in sella alla sua bicicletta, con i suoi cappellini bizzarri e la grinta con cui pedalava verso una delle sue mete….
E la contemporanea attenzione che poneva nel guardarsi attorno con curiosità e nel salutare, con la sua voce “gagliarda”, chi incontrava nella sua strada.

Gianna era così: decisa, convinta, ferma, intransigente per alcuni aspetti, ma sempre …

Leggi il seguito