Una nuova guida per la celebrazione della Via Crucis

Via CrucisCrocifissione, particolare

A partire da questa Quaresima 2012 sarà possibile partecipare ancora meglio alla celebrazione della Via Crucis in Duomo.

A cura di Filiberto Battistella e della Parrocchia è stata infatti pubblicata un’agile guida con cui si possono seguire i testi e meditare le diverse stazioni della Via Crucis, anche grazie alle immagini dei quadri presenti in Duomo.

In occasione della scorsa Quaresima, i 13 dipinti erano stati tolti dalla loro abituale sede e collocati sulle balaustre del Duomo. In seguito si effettuò la ripulitura dei quadri, che li ha riportati all’originale vivacità.

I quadri delle 14 stazioni della Via Crucis del Duomo hanno dimensioni cm. 180 x 109 e sono stati eseguiti da diversi artisti tra il 1923 e il 1939.

Il maggior numero dei dipinti è opera del prof. Angelo Agostinetto, originario di Musile di Piave e morto nel 1966: sono le stazioni I, II, III, VIII, IX, XI, XII, XIII e XIV.

Si tratta di oli su tela, eccetto i quadri della VIII e IX stazione, dipinti su tavola di legno compensato. Queste due ultime opere presentano due particolarità. L’artista si è infatti ritratto, nella nona stazione, nell’uomo con la lancia a destra della scena; nel dipinto dell’ottava stazione, a destra, ha invece raffigurato la moglie.

La VI stazione è opera del 1923 di Alberto Rava, l’artista bresciano che dipinse anche i quadri degli Apostoli presenti lungo il perimetro della navata della chiesa, sulla fascia al di sotto dei capitelli corinzi delle mezze colonne.

L’artista Giuseppe Rogledi ha dipinto (1939) le tele raffiguranti le stazioni VII e X.

Risulta anonimo, invece, l’autore delle tele raffiguranti le stazioni IV e V.

L’ultimo quadro, che si trova nella cappella attigua al presbiterio, raffigura la Risurrezione di Cristo ed è opera del pittore De Cesare (Cesare De Manincor), nativo di Fossalta di Piave e morto nel 1988.

Nel mese di maggio del 2011 il prof. Duilio Franzoi ha provveduto ad un intervento di pulitura di tutti i dipinti delle 14 stazioni della Via Crucis, ravvivandone i colori originari.

M.F.